Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 11-07-2013 14:01
in Attualità | Visto 2.527 volte
 

E le stelle stanno a guardare

Quando la città dà il meglio di sé. Ieri sera l'ultimo appuntamento di “Bassano da scoprire sotto le stelle”: negozi aperti fino a mezzanotte, spettacoli e animazioni nei vari angoli del centro e un fiume di gente attirata dall'evento

E le stelle stanno a guardare

Alessandro Baggio e Romano Zanon, notissimi commercianti di via Roma, assieme ad un collaboratore, alle prese con il barbecue-show cooking all'aperto (foto Alessandro Tich)

In una manifestazione intitolata “Bassano da scoprire sotto le stelle”, l'importante è che le stelle si vedano. E cioè che sopra le teste delle tantissime persone che affollano per l'occasione il centro storico di Bassano del Grappa non ci siano nuvole portatrici di pioggia. E così è stato per quattro mercoledì di seguito: una gran fortuna per Confcommercio Bassano, che promuove e organizza la kermesse estiva, e soprattutto per la città.
Lo abbiamo già scritto in un precedente articolo: quando il cuore di Bassano ricomincia a battere, non ce n'è per nessuno. Ci sono i commercianti che ci mettono la faccia, lasciando aperte le porte dei negozi fino a mezzanotte e vivendo in prima persona l'animazione delle loro vie. Ci sono le associazioni e i gruppi musicali del territorio, che grazie alla rassegna-evento di metà settimana trovano un incomparabile palcoscenico su cui presentare le loro esibizioni.
Ci sono i nostri giovani talenti - ballerini, cantanti, musicisti, Dj - che danno il meglio di sé per suscitare un meritato applauso. C'è soprattutto una fantastica città che sembra quasi sorridere di fronte a cotanta invasione di vita. E le stelle stanno a guardare: anche perché lo spettacolo è gratis.
Ieri sera - ultimo appuntamento dell'edizione 2013 della rassegna - il copione dei tre precedenti mercoledì si è puntualmente ripetuto: show e animazioni nei vari angoli del centro e un fiume di gente ospitata nel “salotto”. Con il bonus meteorologico di una leggera brezzolina che ha reso il momento ancora più piacevole.
C'erano il “fashion & food” in vicolo Zudei, l'“evento Disneyland” in piazzale Trento, il “pianista filosofo” in via Vendramini, le bolle di sapone in piazza Terraglio, un barbecue-show cooking con prodotti tipici in via Roma, la “caccia al tesoro in lingua inglese” in tutte le vie del centro. Ancora un pianista, esibizioni di danza e il minibasket hanno accolto la gente in via Verci. Mentre nel cortile di Palazzo Roberti, Michele Dalla Palma presentava il suo nuovo libro “Orizzonti Estremi”: appuntamento abbinato a un'esposizione di artigianato tipico africano a cura dell'associazione Malawoti onlus e alle “Storie sotto le stelle” raccontate dall'associazione Pungilaluna.
Il tutto con la colonna sonora della live music da scoprire portata in città dal Lions Club Bassano Jacopo da Ponte: musica dal vivo e Dj-set in tutto il centro storico con Colors Void, Mad Fellaz, Novaluna, Ghostway Band, Midnight Talkers, Dj Betuz, Dj Vonbarbaz e altri giovani performers della scena locale.
Luci accese e finestre aperte anche nello studio di qualche noto professionista del centro: la festa, a colpi di bicchierate, ha allungato le sue propaggini anche all'interno delle case.
Bassano del Grappa, la bella addormentata, si è risvegliata in splendida forma.
Non è dato sapere, al momento, se l'apertura straordinaria dei negozi ha portato in generale anche buoni affari e buoni incassi serali. Ci sarà tempo per fare il bilancio dei mercoledì sotto le stelle sotto il profilo puramente economico.
Ma ovunque, tra le vetrine e dietro i banconi, abbiamo visto volti soddisfatti: non per il numero di scontrini battuti, ma per la consapevolezza che Bassano è ancora viva.