Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 18-04-2012 12:53
in Politica | Visto 4.445 volte

“Il Notiziario? Un falso problema. Ma facciamo emergere lo scandalo vero”

L'Amministrazione comunale di Romano d'Ezzelino risponde alle accuse di Luciano Dissegna e punta il dito su una riunione a Cassola, nello studio di un commercialista, che avrebbe portato all'accordo elettorale tra Dissegna e Carlesso

“Il Notiziario? Un falso problema. Ma facciamo emergere lo scandalo vero”

L'assessore Massimo Ronchi, il sindaco Rossella Olivo e il vicesindaco Remo Seraglio, firmatari del comunicato

L'Amministrazione comunale di Romano d'Ezzelino, con un comunicato congiunto a firma del sindaco Rossella Olivo, del vicesindaco Remo Seraglio e dell'assessore Massimo Ronchi - tutti e tre candidati alle prossime elezioni comunali per la lista “Romano per tutti” - replica alle accuse lanciate dal consigliere, e a sua volta candidato capolista alle prossime amministrative per la lista “Si Cambia con Romano Libera”, Luciano Dissegna.
Secondo la denuncia di Dissegna, come già riportato in un nostro articolo, l'ultimo numero del Notiziario Amministrativo del Comune “è stato diffuso in periodo di campagna elettorale” e “realizzato allo scopo di fare pubblicità ai membri della giunta candidati alle prossime elezioni amministrative".
Qui sotto riportiamo integralmente il comunicato di risposta dell'Amministrazione:

COMUNICATO

“Il Notiziario? Un falso problema. Ma facciamo emergere lo scandalo vero”

Continuano le accuse da parte del consigliere Luciano Dissegna nei confronti dell’Amministrazione di Romano d’Ezzelino per il numero 48 del Notiziario Amministrativo uscito a marzo. Finché l’ennesima denuncia del consigliere Dissegna segue l’iter previsto, la Giunta spiega, ancora una volta, la legittimità del Notiziario e svela i veri risvolti degli avversari politici.

“L'informazione istituzionale è prevista fino alla fine del mandato dell’Amministrazione. Questo Notiziario Amministrativo è stato portato alle poste per la distribuzione prima del silenzio della campagna elettorale, si tratta di informazione istituzionale, e per di più all’interno del Notiziario, come sempre, è stata mantenuta e rispettata la pagina dedicata alle minoranze. Questo a certificare come il Notiziario non rappresenti affatto una propaganda elettorale ma un nostro dovere e un diritto dei cittadini di essere informati. E’ del tutto evidente che prima di procedere alla stampa e alla pubblicazione del Notiziario Amministrativo, si è proceduto a verificare anche con le strutture comunali la possibilità di pubblicarlo, cosa che è avvenuta anche in altri comuni che andranno al voto a maggio senza tutte queste sterili polemiche. Ribadiamo pertanto che il Notiziario, stampato e spedito prima dell’inizio del periodo riservato alla campagna elettorale, si rifà alla legge n. 28 del 2000 recante le “disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione” e non alla sorpassata normativa citata dal consigliere Dissegna, come ribadito dalla circolare della Prefettura di Treviso che prevede testualmente, attività di comunicazione “impersonali ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni”.

“Il problema non è certo la consegna del Notiziario Amministrativo - prosegue la giunta - quanto questa e altre gravissime circostanze: sabato 17 marzo alle ore 14 i nostri avversari politici, all’epoca entrambi candidati sindaci di due formazioni distinte, Luciano Dissegna e Maurizio Carlesso, con i rappresentanti della lista capeggiata da Mauro Pozzobon, si sono ritrovati in uno studio di un commercialista di Cà Baroncello unitamente al capogruppo di maggioranza del Comune di Cassola, Antonio Pasinato. Come non bastasse il commercialista in questione è socio della cordata King spa., società immobiliare che dal 2002 vuole la cementificazione dell’intera Area Fratelli delle scuole cristiane di via Spin. A seguito dell’incontro Maurizio Carlesso e Luciano Dissegna hanno deciso di correre insieme contro il Sindaco Olivo. Di cosa si è parlato in questa riunione? Perché la necessità di trovarsi proprio in uno studio di un commercialista per di più implicato in tentativi di speculazione edilizia che l’Amministrazione Olivo ha da sempre osteggiato? Questa è la riprova che Dissegna e gli altri non si preoccupano dei problemi reali della gente ma perseguono altre finalità che non si coniugano con la trasparenza.”

Questa è l’accusa mossa giovedì 12 aprile durante l’assemblea tenuta dal gruppo di maggioranza per la presentazione della lista e del programma amministrativo. Accusa che non ha ancora ricevuto risposta.

Il Sindaco Rossella Olivo
Per la Giunta, il Vicesindaco Remo Seraglio
Per il Capogruppo di Maggioranza, Massimo Ronchi

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 - Candidati Bassanesi a confronto

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 Candidati Bassanesi a confronto #conosciltuovoto Il progetto Libertà è Parola nasce con una...

Più visti