Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 28-08-2012 18:00
in Attualità | Visto 2.345 volte
 

Ampliamento Centro Unicomm, richiesti nuovi dati alla proprietà

La Commissione V.I.A. recepisce le osservazioni dei Comuni di Bassano e Rosà sui problemi di viabilità. Il vicesindaco di Rosà Lanzarin: “Torna fortemente in auge la Bretella Ovest come necessaria valvola di sfogo del traffico”

Ampliamento Centro Unicomm, richiesti nuovi dati alla proprietà

Foto Alessandro Tich - Archivio Bassanonet

Si è riunita questa mattina nella sede della Provincia a Vicenza la Commissione V.I.A. che ha l’incarico di stabilire l’impatto che potrebbe avere l’aumento di superficie di vendita del Centro commerciale “Emisfero” di Bassano del Grappa, richiesto dalla proprietà Unicomm.
L’incontro giunge a venti giorni dal sopralluogo della Commissione ai cantieri del centro vendita. I tecnici provinciali, dopo l’esamina della documentazione presentata dalla proprietà e le osservazioni giunte dal Comune di Rosà, dal Comune di Bassano del Grappa e dalla Confcommercio Bassano, hanno richiesto alla stessa proprietà della documentazione integrativa.
La Commissione V.I.A., recependo le osservazioni delle due Amministrazioni, si è soffermata sulle problematiche del piano viabilistico ed in particolare nell’asse sud-nord con via Baggi, non ritenuta in grado di reggere un aumento del volume di traffico.
I tecnici incaricati dalla proprietà del Centro Commerciale, sono così chiamati a presentare nuovi dati sul piano viabilistico e soluzioni che evitino di aggravare il traffico urbano in questa direttrice. La Commissione ha altresì richiesto integrazioni riguardo alle possibili ripercussioni commerciali nel territorio ed informazioni specifiche sulla destinazione d’uso del cosi detto “Lotto B”, che è stato stralciato dallo Studio di Impatto Ambientale presentato dalla proprietà e correlato alla stessa procedura V.I.A.
“La Commissione - commenta il vicesindaco di Rosà Manuela Lanzarin, presente oggi alla riunione in rappresentanza del suo Comune -, comprendendo le problematiche che abbiamo sollevato assieme a Bassano, ha colto la forte preoccupazione che più volte abbiamo manifestato sulle conseguenze al traffico locale e la vivibilità dei centri urbani di Travettore in primis ma anche S. Anna.”
“Ora - conclude il vicesindaco - vanno trovate delle alternative in questa direttrice e per questo torna ancora una volta fortemente in auge la Bretella Ovest come unica possibile soluzione sia per la viabilità locale quanto per quella collegata alla Pedemontana ed al casello di Bassano ovest. È necessaria una valvola di sfogo che non può essere certo via Baggi.”