Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 30-05-2018 22:22
in Enogastronomia | Visto 2.524 volte
 

Bassano per la gola

Domenica 3 giugno arriva in città “Golosaria on the road”

Bassano per la gola

Villa Angarano a Sant'Eusebio (fonte immagine: vinopack.es)

Nel sito internet di Golosaria, nella pagina del programma di “Golosaria on the road” a Bassano del Grappa, campeggia una foto del Ponte Vecchio come eravamo abituati a vederlo un tempo: bello dritto, senza le bretelle ai piedi, con tutti i coppi sopra il tetto, il Brenta che scorre tra i quattro rostri liberi da qualsiasi ingombro che assomigli ad una tura. Un Amarcord, più che una cartolina.
Ma va bene così, perché più che l'acqua del fiume, in questa occasione, conta l'acquolina in bocca. Sarà infatti un giorno da golosi, domenica prossima 3 giugno, in città.
Ritorna a Bassano Golosaria, la rassegna italiana di riferimento per le eccellenze dell'enogastronomia nazionale, creatura itinerante del noto giornalista enogastronomico Paolo Massobrio. E lo fa appunto in versione on the road, con tre diverse “situazioni” all'insegna del gusto in orario continuato dalle 8.30 alle 23.
Si comincerà letteralmente “sulla strada”, come dice lo stesso nome della manifestazione, con un itinerario da percorrere a piedi: la passeggiata golosa lungo il Brenta.
Si tratta di una camminata libera (partenza ore 8.30-10), che si snoderà lungo il sentiero del fiume e il centro storico per un percorso di circa 5,8 km e che al posto dei classici punti di ristoro delle non competitive prevede una serie di soste golose in alcune botteghe del gusto segnalate dalla guida ilGolosario. Dalla Bottega dei Dolci a Sant'Eusebio, luogo di ritrovo e partenza, i palati dei gastrocamminatori saranno di volta in volta invitati a degustare i manicaretti preparati dal Ristorante Al Ponte, dalla Premiata Fabbrica della Pizza, dall'Enogastronomia Antonio Baggio e da Villa Angarano, nuovamente a Sant'Eusebio, traguardo finale della piacevole fatica.
La stessa Villa Angarano ospiterà dalle 10.30 alle 21 la rassegna degli Artigiani del Gusto con decine di espositori - targati sempre ilGolosario - tra produttori, botteghe del gusto, vini della Doc di Breganze (che arriva fino in destra Brenta a Bassano) e birrifici artigianali. Evento nell'evento, le pizze gourmet con farciture del territorio sfornate nella corte della Villa dal gruppo “Donne di pizza Donne di cuore”, progetto al femminile nato per sensibilizzare i cittadini sul fenomeno della violenza alle donne.
Per gli amanti dei gusti nostrani non mancheranno inoltre gli gnocchi proposti dai ristoratori della Magnifica Confraternita dei ristoranti De.Co del vicentino, con un tris di sughi da abbinare a seconda delle preferenze: a base di piselli De.Co di Lumignano oppure di sugo d’anitra (una De.Co di Zané) o di bacalà di Sandrigo De.Co.
In più Paolo Massobrio, assieme a Marco Gatti, racconterà in una originale formula di degustazione i vini della Villa.
Nel pomeriggio si animerà anche la terza “situazione” presso l'attiguo Hotel Alla Corte, sempre a Sant'Eusebio, con tre “sotto-situazioni” dedicate ad altrettante strade del sapore: arte bianca, enoteca e mixology.
Qui ci sarà però anche spazio per il “Gelato friabile”, la provocazione della nuova pasticceria a cura del maestro pasticcere Lucca (con due “c”) Cantarin.
Ma anche per “Pizza e bollicine”, abbinamento trendy a cura dell'associazione Donne di pizza Donne di cuore. E poi ancora cooking show e laboratori sul tema “La pizza contemporanea e i lievitati dolci e salati”, l'Enoteca dei Grandi Vini del Veneto premiati in questi anni come Top Hundred, la degustazione dei distillati veneti sotto forma di cocktail. Ma uno dei momenti clou sarà il cocktail di Carlo e Camilla: che non c'entra, a quanto pare, con la coppia più impopolare della famiglia reale britannica. Carlo, infatti è Carlo Cracco (ebbene sì, sempre e ancora lui) e Camilla, invece, non si sa bene. “Carlo e Camilla in segheria” è comunque un locale superfigo di Milano creato dall'ex giudice di MasterChef e affidato ad una squadra di giovani chef diretta dal guru. Il bar manager di Carlo e Camilla Federico Volpe sarà a “Golosaria on the road” per proporre un cocktail originale in omaggio a Bassano e al Veneto, per la serie: “la nuova via della miscelazione”.
Alle ore 20, infine, cena a buffet proposta in tandem dal Ristorante Sant'Eusebio e dallo chef di casa nostra Riccardo Antoniolo.
Penso che, come presentazione, possa bastare. Anche perché, a scrivere le cose che ho scritto sopra, sono già sazio. Un'ultima annotazione riguarda una benevola tiratina di orecchie al sito di Golosaria, che presentando Bassano quale “simbolo della migliore enogastronomia veneta”, intitola l'articolo: “Bassano del Grappa, un paese da gustare”.
Per carità: il nostro centro storico sarà grande come un cortile di Milano, ma Bassano è una città: l'ottava città del Veneto, per l'esattezza. È pur vero che la parola “città” compare nel sottotitolo e anche nel testo, ma sapendo come la pensano i miei concittadini (e non compaesani) si tratta di un dettaglio, per così dire, poco consono.
Scusate davvero se sono sempre il solito, pronto ogni volta a mettere i puntini sulle “i”.
Ma paese che vai, giornalista che trovi.