Pubblicità

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 14-06-2011 19:33
in Cronaca | Visto 4.926 volte

Setticemia fulminante, muore una bambina di due anni

La piccola è deceduta ieri all'ospedale San Bassiano nonostante gli sforzi dei sanitari. In corso accertamenti per “identificare con certezza la causa del decesso”. Misure di profilassi per i congiunti della bambina, che abitava a Rossano Veneto

Setticemia fulminante, muore una bambina di due anni

“Una forma molto rara di setticemia fulminante”.
Secondo un comunicato emesso questa mattina dall'Ulss n.3, è stata questa la presunta causa della morte di una bambina di due anni e mezzo, deceduta ieri all'ospedale di Bassano del Grappa dov'era stata ricoverata d'urgenza. Il decesso, informa ancora l'Ulss, è avvenuto “nel giro di qualche ora, nonostante l'impegno dei sanitari dell'ospedale San Bassiano.”
“Sono in corso gli accertamenti - informa ancora l'Azienda Sociosanitaria - per identificare con certezza la causa del decesso e analizzarne con precisione le circostanze. Nel frattempo sono stati adottati, in via cautelativa, i provvedimenti di profilassi previsti in casi come questo.”
La bambina deceduta era residente a Rossano Veneto. “Diamo a tutti assicurazione - continua la nota ufficiale dell'Ulss 3 - che è in atto il monitoraggio della situazione, di concerto con l'Amministrazione comunale di Rossano Veneto, in attesa dell'esito degli accertamenti in corso.”
“Le persone che risultano essere state a stretto contatto con la piccola - informa un secondo aggiornamento dell'Ulss trasmesso in redazione nel pomeriggio - sono già state sottoposte alla profilassi prevista, consistente nella somministrazione di un antibiotico.” Al momento non sussistono “elementi che consiglino l'adozione di altri provvedimenti.”
Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la bambina si sarebbe sentita male nella serata di domenica, ma sarebbe stata rimandata a casa dopo la somministrazione di un antipiretico. Le condizioni si sarebbero quindi aggravate, rendendo necessario il ricovero d'urgenza, poi rivelatosi purtroppo inutile.
L'Ulss n.3 esprime “la sincera vicinanza ai genitori e ai familiari della piccola.”

Pubblicità

MostraOpera Estate

Ultimora

Più visti