Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 18-04-2011 17:05
in Attualità | Visto 2.675 volte

Raccolta differenziata: Bassano “sorpassa” i padovani

Exploit dei Comuni del bassanese nel 2010: raggiunta la soglia del 71%. Cartigliano, Bassano e Rossano i Comuni più “virtuosi”. Il presidente Etra Svegliado: “Il merito di questo risultato va tutto ai cittadini”

Raccolta differenziata: Bassano “sorpassa” i padovani

Il presidente del Consiglio di Sorveglianza di Etra Manuela Lanzarin e il presidente di Etra Stefano Svegliado

Ha superato il 70% la frazione di rifiuto differenziato prodotta nel 2010 dai Comuni del comprensorio bassanese gestiti da Etra. Anzi, per l'esattezza il risultato si attesta al 71%. Si tratta di un autentico exploit: i Comuni bassanesi hanno infatti superato per la prima volta quelli padovani, che registrano tutti insieme una “differenziata” arrivata al 70,35%. In tutto il territorio gestito da Etra, la percentuale è del 68,57%: ad abbassare la media sono i Comuni dell'Altopiano, in cui la raccolta differenziata è ancora inferiore al 30%.
Tra i Comuni più “virtuosi” del nostro comprensorio si segnalano Cartigliano (75,6% di raccolta differenziata), Bassano del Grappa (74%) e Rossano Veneto (72,8%).
“Sono percentuali ottenute grazie a Etra, alle Amministrazioni comunali e ai cittadini - ha rilevato il presidente del Consiglio di Sorveglianza di Etra on. Manuela Lanzarin -. L'utenza finale si è dimostrata sempre più attenta e responsabile, portando il nostro territorio a questo risultato”.
“Bassano - ha commentato il presidente di Etra Stefano Svegliado - è l'elemento che rappresenta il successo del sistema. Il Comune di Bassano, in due anni, ha raggiunto il 74% di raccolta differenziata e abbiamo in cantiere iniziative per aumentare questa percentuale, intervenendo su alcuni contesti come il centro storico che presentano ancora dei problemi. La differenziata è un “must” della nostra società, il bassanese è partito più tardi rispetto ai Comuni padovani e quest'anno è avvenuto il sorpasso.”
“Il merito di questo risultato - ha ancora detto Svegliado - va tutto ai cittadini che hanno dimostrato una grandissima sensibilità ambientale. Sono numeri davvero soddisfacenti che anticipano e superano ampiamente la soglia del 65%, fissata dalla normativa nazionale per il 2012. L'obiettivo ora è quello di raggiungere percentuali di differenziata sopra il 75%”.
Un trend in ascesa con indubbi vantaggi in termini di costi e di sostenibilità ambientale: la raccolta differenziata nel 2010 ha permesso di non conferire in discarica ben 147mila tonnellate di rifiuto.

Più visti