Alessandro Tich
Direttore responsabile
bassanonet.it
Pubblicato il 23-01-2009 21:38
in Attualità | Visto 3.177 volte
 

Lotteria "Dario Bonamigo": a Cassola consegnato il primo premio

Il vincitore della Fiat Panda è Ivan Citton di San Zeno. La somma raccolta servirà a finanziare tre progetti di solidarietà

Lotteria

La consegna della chiavi al vincitore, Ivan Citton di San Zeno

Una Fiat panda, di colore blu, nuova fiammante.
E' l'appetitoso primo premio della lotteria “Dario Bonamigo”, promosso a Cassola dall' “Associazione Onlus Dario Bonamigo” – nata per ricordare la figura dell'assessore ai Sociali e allo Sport del Comune di Cassola – in collaborazione con l'Amministrazione Comunale. Il fortunato vincitore del primo premio è Ivan Citton, di San Zeno di Cassola, che questa mattina ha ricevuto le chiavi della sua nuova automobile dai componenti dell'Associazione alla presenza del sindaco Antonio Pasinato.
La lotteria ha rappresentato l'evento conclusivo di una serie di iniziative partite a settembre e culminate con la “Festa della Befana”, il 6 gennaio, nel corso della quale ha avuto luogo l'estrazione dei biglietti vincenti. 22.300 i tagliandi che sono stati venduti nel corso di quattro mesi, per un importo complessivo di circa 35 mila euro che saranno tutti devoluti in iniziative di solidarietà.
“La somma raccolta – ha annunciato Flavio Fantin, presidente dell'Associazione Dario Bonamigo – è stata divisa in tre parti e servirà a finanziare i tre nostri progetti attualmente in corso: il “Progetto di educazione complementare” a sostegno dell'attività di doposcuola per una quarantina di ragazzi a Rosaio Oeste, nel Mato Grosso in Brasile; il “Progetto Kenya” per la creazione di uno studio odontotecnico a supporto di uno studio dentistico che già opera nel paese africano e il progetto a sostegno del Fondo Missionario della Parrocchia di Cassola.
Il sindaco Pasinato ha espresso il proprio plauso all'attività dell'associazione “costituita per volontà del Comune per continuare la memoria e l'opera di Dario Bonamigo, che è stato così attivo nel Sociale e nello Sport e che è stato sempre un esempio di solidarietà, di disponibilità e di aiuto alle persone che hanno bisogno.”