Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 13-01-2011 19:12
in Attualità | Visto 3.843 volte
 

Nuova sede “ecologica” per la Scuola Bellavitis

Scelto il progetto per il nuovo edificio della scuola media di Bassano, che sarà costruito in Via Rosmini. Con un muro “solare”, materiali sostenibili e strutture riciclabili. L'assessore Bernardi: “Sarà una scuola nel verde”

Nuova sede “ecologica” per la Scuola Bellavitis

L'ing. Federica Bonato, dirigente dell'Area Lavori Pubblici del Comune di Bassano, presenta il progetto vincitore

Scuola Media “Bellavitis” di Bassano: per il nuovo edificio dell'istituto scolastico, atteso da tempo, si accende finalmente il semaforo verde.
Andrà a sostituire l'attuale sede scolastica di Via Leoncavallo la cui struttura, come noto, presenta tracce di amianto - “eredità” del sistema edilizio degli anni Settanta - incapsulate in alcune pareti, e periodicamente monitorate dai tecnici dell'Arpav e dell'Amministrazione comunale.
Per la nuova scuola, che sarà ubicata in Via Rosmini a Santa Croce, il Comune ha lanciato un concorso di progettazione e oggi l'assessore ai Lavori Pubblici Dario Bernardi ne ha reso noto il risultato.
Tra i 44 progetti inviati da studi professionali di tutta Italia, e valutati da un'apposita commissione, è prevalso il progetto dello studio di progettazione “Zoncheddu e associati” di Bassano del Grappa, collegato per l'impiantistica agli studi di ingegneria Baggio e Poggiana di Cittadella.
Seguirà l'assegnazione, allo studio vincitore, del progetto definitivo e esecutivo dell'opera dal costo complessivo di 3 milioni e 800mila euro, 2 milioni e 300mila dei quali a carico del bilancio comunale e il restante milione e mezzo derivante da contributi della Regione Veneto e della Fondazione Cariverona.
“Posso esprimere un'ampia soddisfazione per l'iniziativa - ha affermato l'assessore Bernardi -. Il nuovo edificio scolastico si inserisce nella scelta coraggiosa del sito, a completare un ambito urbano di particolare attenzione a sud del Centro Studi.
La novità si collega con l'acquisizione del Comune delle aree verdi del Centro Commerciale di Via Colombo, a seguito dell'accordo con la società ICCB. 25mila metri quadrati che diventeranno un nuovo parco cittadino a sud del cimitero di S. Croce. Non sarà una scuola con del verde, ma una scuola “nel” verde.”
“Il 27 gennaio - ha proseguito l'assessore - presenteremo in consiglio comunale le varianti urbanistiche. Entro il primo semestre dell'anno sarà completata la progettazione dell'edificio, nel secondo semestre è prevista la gara dei lavori. A fine anno, o a inizio 2012, l'avvio dei lavori.”
La nuova scuola, a due piani e strutturata per quattro sezioni, sarà realizzata secondo i principi della bioarchitettura, in piena sintonia con il RES, il nuovo Regolamento di Edilizia Sostenibile approvato dal Comune.
“La sostenibilità dell'edificio sarà in funzione del contenimento energetico - ha spiegato l'ing. Federica Bonato, dirigente dell'Area Lavori Pubblici del Comune -. La palestra avrà un “solar wall”, e cioè una parete che si riscalda permettendo all'aria riscaldata di entrare in circolazione, mentre le aule saranno riscaldate attraverso pompe di calore.”
“E' stata data attenzione - ha ancora detto l'ing. Bonato - all'utilizzo di materiali sostenibili dal punto di vista bioclimatico e della loro recuperabilità. Sarà utilizzato l'acciaio strutturale, che è riciclabile e permette una notevole velocità di esecuzione dell'opera, che sarà completata entro due anni.”
Con la costruzione della nuova scuola, ha anticipato l'assessore Bernardi, la viabilità della zona - in relazione anche al Centro Studi - sarà ridisegnata. L'argomento sarà al centro delle prossime riunioni della commissione consiliare Lavori Pubblici.
Nel frattempo, fino all'11 febbraio, il progetto vincitore e gli altri progetti selezionati del concorso sono esposti in una mostra allestita all'ingresso dell'Ufficio Tecnico del Comune, al Castello degli Ezzelini.

Editoriali

La tromba del giudizio

La tromba del giudizio

Alessandro Tich | 16 giorni fa

Il "Tich" nervoso Dalla vicenda Monegato, e in prospettiva elezioni amministrative a Bassano, considerazioni a ruota libera sull'uso politico dei social