Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 19-08-2009 22:33
in S.O.S. città | Visto 2.829 volte

L'ex Punto Telecom di Via Marinali? Un covo di immondizie

Degrado totale in pieno centro a Bassano. L'ex “corner” di telefonia fissa in Via Marinali, ora dismesso, è diventato un ricettacolo di rifiuti che nessuno pulisce

L'ex Punto Telecom di Via Marinali? Un covo di immondizie

L'ex Punto Telecom di Via Marinali, in preda ai rifiuti e all'abbandono

Era stato inaugurato alcuni anni fa, in pompa magna, con l'intervento delle massime autorità regionali della Telecom Italia.
L'evento, del resto, giustificava tanta attenzione: era infatti la prima volta che a Bassano, in pieno centro storico, veniva allestito un “corner” di telefonia fissa, con cinque postazioni telefoniche a monete e a scheda.
Il centro telefonico, per un po' di tempo, aveva svolto egregiamente il suo servizio: poi, travolto dall'ondata dei telefoni cellulari, è stato dismesso e mestamente chiuso.
Dell'ex Punto Telecom di Via Marinali a Bassano, a pochi metri da Piazza Libertà, non resta oggi che un lontano ricordo.
In preda al più totale abbandono, il locale è diventato - e non da oggi - un ricettacolo di immondizie: una sorta di “terra di nessuno” dove ignoti maleducati gettano di tutto. Cicche, cartacce, pacchetti di sigarette. Le ampie grate del cancello che sbarra l'ingresso, sporche e impolverate, permettono il “tiro libero” di qualsiasi lordura. Nessuno si è mai preso la briga di ripulire l'area e di dotarla di un sistema di chiusura a saracinesca o a vetrata che impedisca di trasformare l'ex “corner” in discarica.
E nessuno si è curato nemmeno di ripulire i graffiti lasciati dai “writers”, rimasti impuniti, che avevano preso di mira i muri del locale quando i battenti erano ancora aperti.
L'igiene pubblica, in questo punto della città, è diventata un optional.
A fianco dell'ex centro telefonico c'è un frequentato caffè-osteria. Sull'altro fianco, a pochi passi di distanza, l'ingresso di un noto negozio di calze e biancheria intima. Davanti al luogo del degrado passano inoltre molti turisti.
Una triste cartolina di Bassano che continua a far brutta mostra di sé nell'indifferenza generale.

Più visti