Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 29-03-2017 20:17
in Cronaca | Visto 1.296 volte

Marostica, “scacco” allo spaccio di stupefacenti

Arrestato un 42enne, pregiudicato per simili reati

Marostica, “scacco” allo spaccio di stupefacenti

Il materiale sequestrato dall'Arma

I Carabinieri della Stazione di Marostica hanno tratto in arresto per spaccio di stupefacenti Carlo Stropparo, 42enne della città scaligera, pregiudicato per simili reati.
L’attenzione dell’Arma marosticense era stata attirata già da qualche tempo dall’arrestato, sul quale si vociferava avesse ripreso l’illecita attività.
Puntuali accertamenti dei Carabinieri di Marostica e l’attivazione delle fonti informative confermavano movimenti sospetti nei pressi dell’abitazione dello Stropparo.
La svolta nelle indagini è emersa ieri, quando un privato cittadino ha affermato di averlo visto entrare ed uscire da un locale adibito a cantina/magazzino, che i Carabinieri hanno scoperto essere nella disponibilità dello Stropparo. Il primo accertamento speditivo dei militari li ha portati a rinvenire 13 grammi di marijuana in tale locale.
Maturata la convinzione che lo Stropparo potesse detenerne ulteriori quantità a casa, i Carabinieri di Marostica hanno effettuato un blitz nella sua abitazione.
L’attenzione è caduta da subito su un ripostiglio chiuso a chiave, all’interno del quale i Carabinieri hanno rinvenuto altri 100 grammi di marijuana, un bilancino di precisione ed un coltello usato per il confezionamento dello stupefacente.
Continuando la perquisizione i militari dell’Arma hanno trovato anche 43 paia di guanti marca “Dainese”, di cui lo Stropparo non ha saputo dare precise indicazioni circa la provenienza, per cui verrà anche denunciato per il reato di ricettazione.
L’arrestato è stato posto ai domiciliari su disposizione del PM Pipeschi, mentre l’udienza di convalida si terrà domattina.

    Bassanonet TV

    Libertà è Parola

    Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

    L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

    Più visti