Pubblicità

Bassanonet.it

RedazioneRedazione
Bassanonet.it

Attualità

Il tiglio è mobile

Sistemazione botanica dell’Oasi Parco RAASM a San Zeno di Cassola: “carico eccezionale” per lo spostamento e trapianto di un albero di 240 quintali, con l’ausilio di un’autogrù e di un carrello ferroviario

Pubblicato il 17-02-2023
Visto 7.875 volte

Pubblicità

Bassanonet.it

Il tiglio è mobile.
Non qual piuma al vento però, come nella celebre opera di Verdi.
È alto infatti circa 25 metri e pesa 240 quintali.

Si tratta di uno degli innumerevoli alberi che caratterizzano l’Oasi Parco dell’azienda RAASM a San Zeno di Cassola e costituiscono la “casa comune” per i tantissimi animali che da una trentina d’anni hanno trovato qui il loro habitat ideale.
Tutte piante che sono collocate in specifiche zone dell’area verde: l’Oasi Parco è infatti caratterizzata dalla presenza delle principali famiglie botaniche, suddivise in aree omogenee nei diversi punti del Parco stesso.
Non fa eccezione la famiglia delle Malvacee, che comprende i tigli e che è collocata ai due lati del viale d’ingresso dell’azienda, denominato “viale dei tigli”.
Si tratta di una famiglia botanica diffusa nelle regioni temperate di tutto il mondo e di cui fanno parte, tra gli altri alberi, anche il gigantesco “baobab”, la pianta del cotone e del cacao.
C’era però un tiglio “fuori luogo”: un esemplare di una sessantina d’anni di età, albero a ceppaia con quattro fusti. Si trovava ancora nel punto in cui era stato piantato circa 35 anni fa, a un centinaio di metri di distanza dal luogo deputato per la sua famiglia e specie.
Da qui la decisione di trapiantarlo, nell’ambito degli interventi di sistemazione botanica dell’Oasi Parco.
L’intervento di espianto, trasporto e reimpianto del tiglio ha comportato una lunga e complessa operazione, per le caratteristiche della pianta e per la situazione logistica da affrontare.
Per la prima volta, dopo i numerosi trapianti già effettuati nella grande area verde RAASM, si è reso necessario caricare e trasportare l’albero “in piedi”.
Dovendo attraversare trasversalmente il viale d’ingresso in mezzo agli altri tigli, era infatti impossibile caricarlo orizzontalmente a bordo di un camion.
È stata pertanto incaricata una ditta specializzata che è giunta sul posto con un’autogrù di 60 metri di braccio, in grado di sollevare carichi fino a 130 tonnellate.
Ancora l’anno scorso il tiglio era stato sottoposto alla pre-zollatura alla base, e quindi alla zollatura nei giorni precedenti al trapianto. Per lo spostamento l’albero è stato opportunamente imbragato, espiantato e quindi collocato e assicurato sul piano di appoggio appositamente saldato su un carrello ferroviario di 150 quintali.
Per consentire il delicato trasporto del “carico eccezionale” sopra il carrello evitando le asperità del terreno, è stata creata una strada artificiale con grandi lamiere metalliche, che sono state di volta in volta collocate a terra prima del passaggio del pesante convoglio.
Alla fine il tiglio è giunto a destinazione ed è stato trapiantato nella sua nuova sede, sul lato destro dall’ingresso dell’azienda.
Iniziata di primo mattino con le varie fasi di preparazione, la complessa operazione è terminata poco prima di sera.
Gli interventi di sistemazione dell’Oasi Parco RAASM proseguiranno ancora.
In origine gli alberi, quasi tutti autoctoni, erano mescolati tra loro. Con questi trapianti le aree vengono omogenizzate in forma botanica. Ad esempio le querce erano mescolate con altri tipi di piante, oggi sono quasi tutte collocate in un’unica area.
La stessa cosa accade per tutte le altre famiglie di alberi. Non solo: suddividendo le piante per famiglie, per ogni famiglia vengono piantate le specie più importanti in modo che ogni area rappresenti al meglio la “botanica” della famiglia stessa.
Quando i lavori di sistemazione botanica saranno terminati, nell’Oasi Parco RAASM saranno rappresentate e opportunamente collocate tutte le famiglie e specie della flora che possono crescere alle nostre latitudini, dai muschi alle sequoie.
Il patrimonio verde dell’azienda comprenderà, tra le altre cose, anche i frutti dimenticati e i licheni come altre importanti tipologie vegetali: dalle piante carnivore a quelle velenose, da quelle parassite alle piante rampicanti, dai cactus ai bonsai assieme ai fiori di tutti i tipi.
A beneficiarne saranno la microfauna, l’avifauna e quindi l’ornitologia e le altre materie naturalistiche.
Il Geoparco, che racconterà la storia della Terra attraverso i massi e le rocce, completerà questo percorso dedicato al rispetto e alla conoscenza di Madre Natura, creando un contesto di biodiversità in ambito urbano e produttivo unico nel suo genere.

Più visti

1

Politica

20-02-2024

Sant’Elena

Visto 20.525 volte

2

Politica

19-02-2024

Gianni D’Artagnan

Visto 10.371 volte

3

Politica

19-02-2024

Zen O'Clock

Visto 10.178 volte

4

Politica

21-02-2024

Il vigile urbano

Visto 9.999 volte

5

Politica

19-02-2024

Liberté, Lega...lité

Visto 9.718 volte

6

Attualità

20-02-2024

Zontel & Gretel

Visto 9.709 volte

7

Politica

20-02-2024

Campagna Verde

Visto 9.684 volte

8

Cronaca

22-02-2024

Il guerriero del fine vita

Visto 9.027 volte

9

Politica

21-02-2024

C’è Possa per te

Visto 9.018 volte

10

Attualità

23-02-2024

Facciamo sul Serio

Visto 8.822 volte

1

Politica

20-02-2024

Sant’Elena

Visto 20.525 volte

2

Politica

10-02-2024

Il grande momento

Visto 13.448 volte

3

Attualità

03-02-2024

Da Bassano con Furore

Visto 12.764 volte

4

Attualità

06-02-2024

Piani Baxi

Visto 11.566 volte

5

Politica

03-02-2024

Campagnolo elettorale

Visto 11.414 volte

6

Politica

04-02-2024

Giunta comunale

Visto 11.302 volte

7

Attualità

07-02-2024

Sarò lapidario

Visto 11.231 volte

8

Attualità

04-02-2024

Vota Antonio, Vota Antonio bis

Visto 11.019 volte

9

Politica

18-02-2024

A Brunei

Visto 10.798 volte

10

Attualità

02-02-2024

Il sig. Francesco

Visto 10.740 volte