Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 27-05-2015 12:12
in Politica | Visto 3.126 volte
 

Votate e moltiplicatevi

“Qualche politico dovrebbe smettere di candidarsi e stare a casa a fare qualche figlio”. Il candidato pro Moretti Bobo Sartore attacca la candidata indipendentista bassanese pro Zaia Ilaria Brunelli. Lei: “Vittima di un attacco sessista”

Votate e moltiplicatevi

La candidata alle regionali della lista "Indipendenza Noi Veneto con Zaia" Ilaria Brunelli (foto da: Ilaria Brunelli / facebook)

“Qualche politico dovrebbe smettere di candidarsi e stare a casa a fare qualche figlio...”.
E' il testo del post pubblicato lunedì scorso da Bortolino “Bobo” Sartore sulla “fan page” facebook di Ilaria Brunelli. La quale, pur essendo come lei stessa si definisce “vittima di un attacco sessista”, trova suo malgrado - o a suo beneficio, a seconda dei punti di vista - il modo di comparire sui mezzi di informazione nell'ultima settimana di campagna elettorale.
Precisazione necessaria: Ilaria Brunelli, già consigliere comunale di maggioranza a Bassano del Grappa, è oggi candidata alle elezioni regionali nella lista indipendentista “Indipendenza Noi Veneto con Zaia”.
Mentre Bobo Sartore, vicentino, corre pure per le regionali, ma sul fronte opposto. E' infatti candidato nella lista “Progetto Veneto Autonomo” che sostiene Alessandra Moretti.
“Quando l'ho letta - scrive su Fb Ilaria Brunelli in merito alla frase dell'avversario politico - mi si è arrotolato lo stomaco, anche se non sono femminista e odio le quote rosa.”
“Caro Bobo - replica l'esponente della lista indipendentista all'autore del post “maschilista” -, a suo tempo e con la persona giusta magari un figlio lo farò. Ma intanto mi candido perché quando verrà al mondo possa avere un futuro diverso, spero in un Veneto già indipendente e libero, dove ognuno abbia diritto di fare le scelte che vuole per raggiungere la sua felicità. Lo faccio per lui e per tutti i Veneti che nasceranno, anche i tuoi nipotini.”
“Parole sconcertanti - commenta la candidata bassanese in un comunicato trasmesso successivamente in redazione -, dette tra l’altro da una persona che ad ogni tornata elettorale non perde occasione di candidarsi, senza mai ottenere risultati, presentatosi questa volta in una lista creata dalla Moretti solo per catalizzare su di se voti d’errore dell’elettorato indipendentista veneto.”
“Sono sicura - conclude Ilaria Brunelli - che gli elettori sapranno valutare attentamente domenica a chi affidare il Veneto per i prossimi anni.”
Ovvero: come una frase infelice può trasformarsi in un ottimo assist.