Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 03-12-2012 17:12
in Politica | Visto 2.436 volte
 

Rumori di Centro

Il segretario dell'UDC di Bassano Matteo Bizzotto plaude alle primarie del centrosinistra, “grande successo della democrazia”, ma sposa la “linea Monti” e rilancia: “Il futuro della politica oggi più che mai è nel Centro e nei moderati”

Rumori di Centro

Il segretario UDC di Bassano del Grappa Matteo Bizzotto

Il segretario dell'UDC di Bassano del Grappa Matteo Bizzotto interviene oggi sull'attuale situazione politica nazionale, nel day after del ballottaggio delle primarie del centrosinistra, con un comunicato trasmesso in redazione che pubblichiamo di seguito:

COMUNICATO

Innanzitutto congratulazioni al Partito Democratico per il grande successo ottenuto con le primarie, che non ci hanno solo dimostrato quanto i cittadini credano ancora nella politica ma di più, e il risultato importante di Renzi ne è la dimostrazione, quanto vogliano cambiamento e rinnovamento.
Credo tuttavia fermamente che il vero cambiamento sarà quello che porterà alla costruzione di un nuovo e forte movimento dei moderati, la “Lista per l’Italia” di cui l’UDC sarà parte fondamentale, con il fine principale di valorizzare e non rendere vani i sacrifici che gli Italiani hanno fatto per uscire dalla crisi che ormai ci aveva attanagliato.
Per fare questo vi è una sola strada, cioè quella di procedere con l’agenda Monti e continuare nel lavoro di risanamento del paese, di eliminazione degli sprechi e di lotta contro l’evasione; e su questo ultimo punto in particolare dobbiamo far capire ai cittadini che se tutti pagassimo le tasse, non solo potremmo tutti pagarne di meno, ma certamente avere un paese con più risorse, da investire nell’istruzione, nella cultura e soprattutto nei giovani che sono il futuro e la speranza. Ecco perché credo che “il Centro”, unica forza ad appoggiare senza riserve questo programma per il “Futuro”, debba avere un ruolo importante e sia davvero l’unica alternativa seria.
La “sinistra” infatti, ha dimostrato con le primarie la sua forza ma vive in una continua contraddizione politica: pur avendo sostenuto Monti e il governo tecnico, ha deciso di includere nelle primarie Nichi Vendola che mai ha condiviso la linea del governo e che con il suo tesoretto di voti a sostegno di Bersani ha di fatto portato il PD ancora più a sinistra.
Dall’altra parte invece la “destra” è allo sfascio: il PDL ormai è una polveriera pronta a esplodere, con gli ex AN che si preparano a staccarsi e Berlusconi che si accinge a rinnegare il suo partito e le primarie per andare a rifondare nuovamente Forza Italia, dimostrando lo stato confusionale in cui non solo lui, ma tutta la destra vive di questi tempi.
Ecco perché spero e mi auguro da cittadino italiano che presto nasca questo nuovo movimento dei moderati, un’alternativa concreta e seria alla destra e alla sinistra, ma anche una ventata di freschezza con la presenza al suo interno di tanti giovani e donne e rappresentanti della società civile abituati a vivere nel “territorio” ed a confrontarsi, veramente, con la vita “di tutti i giorni”, condizioni indispensabili oggi per ricostruire il senso della “rappresentanza” tra eletti ed elettori.

Matteo Bizzotto - segretario