Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 15-03-2018 20:32
in Manifestazioni | Visto 847 volte

Primo e secondo round

Sabato 17 marzo Incontro senza censura a doppio tema con Maurizio Belpietro alla libreria La Bassanese in città. Prima parte dedicata all'analisi del dopo-voto in Italia, seconda parte incentrata su Islam e terrorismo

Primo e secondo round

Maurizio Belpietro (fonte immagine: gds.it)

Quando si dice essere sul pezzo. A pochi giorni dal voto del 4 marzo per l'elezione del nuovo parlamento, la rassegna Incontri senza censura ospita il giornalista e conduttore Tv Maurizio Belpietro, sabato 17 marzo alle ore 20.45 nella galleria incontri della libreria La Bassanese in città, per una serata-presentazione a doppio tema. Primo e secondo round.
Nella prima parte della serata il pubblico potrà ascoltare l’analisi di Belpietro sul voto post-elezioni e su cosa potrà succedere da qui all’eventuale formazione di un governo.
Le questioni da porre, in questo senso, non mancano di certo. Chi guiderà l’Italia? Potranno esserci accordi da parte dei tre schieramenti che di fatto hanno delineato un’Italia tripolare? Centrodestra, Centrosinistra, M5Stelle…cosa succederà nelle prossime settimane? La coalizione che ha preso meno voti sembra sia determinante per eventuali alleanze ma un’ipotetica alleanza potrà essere “governativa” o solo di passaggio per tornare al voto con una nuova legge elettorale? Quali sono gli intrecci tra politica e finanza che potranno determinare il futuro economico del nostro Paese?
Maurizio Belpietro ha diretto Il Tempo, Il Giornale, Panorama, è stato vicedirettore dell’Indipendente e del Quotidiano Nazionale. Oggi dirige La Verità. Punto di riferimento nel dibattito politico dei principali talkshow, è conduttore del programma di Rete4 Dalla Vostra Parte. Per Sperling & Kupfer ha pubblicato con Francesco Borgonovo e Giacomo Amadori, I segreti di Renzi, I segreti di Renzi 2 e Islamo-follia. E saranno proprio le tesi contenute in Islamo-follia l'oggetto della seconda parte dell’incontro moderato da Marco Bernardi, ideatore di Incontri senza censura, organizzati dalla libreria La Bassanese e dall’omonima associazione culturale, con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti.
Di fronte ai molteplici attentati terroristici e a stupri e violenze, Belpietro - analizzando, mettendo a confronto e sommando prove - indica dal suo punto di vista che c’è un nuovo “imputato”: e cioè il silenzio, la compiacenza, l’accettazione supina del “politicamente corretto” che impedisce di guardare in faccia la realtà dell’Islam politico: il sessismo, la censura di qualsiasi espressione critica, la repressione di ogni altra religione, la violenza connaturata. “Chi rileva l’arretratezza e l’ingiustizia di questi fenomeni - sostiene il giornalista - è tacciato di essere razzista, xenofobo, islamofobo.”
“Quelli che molestano o stuprano le donne, come a Colonia nel 2015 o a Rimini nel 2017- aggiunge -, sono vittime, corrotte dall’Occidente; e chi chiede il rispetto delle nostre regole, riceve gli insulti sui social”. Secondo Belpietro, e con dati Ocse alla mano, sono molte le donne di immigrati che sono considerate “meritevoli di rispetto quanto un posacenere”.
“Ma no, non si può dire. Apriti cielo - osserva -. L'islamofollia impone il prezzo aggiuntivo del giustificazionismo radicale, della contrizione perenne, del piagnisteo ipocrita, oppure del silenzio. Pena la censura, il pubblico ludibrio, la scomunica, il bavaglio.”
“La realtà - continua Belpietro - ci dice che i moderati veri nel mondo musulmano mettono in gioco la propria vita, sono costretti a vivere sotto protezione, ricevono minacce e insulti, vengono emarginati dagli altri musulmani. Gli estremisti dettano legge, tutti gli altri subiscono. Io non ci sto e voglio infrangere questo tabù raccontando questa follia di cui non si può parlare. Senza arrendermi alla gioia della sottomissione.”
L'ingresso all'incontro è libero fino a esaurimento posti. È consigliata la prenotazione gratuita allo 0424 521230 o tramite il sito www.labassanese.com.
Le tesi sostenute da Maurizio Belpietro, tuttavia, avranno anche il loro contraltare. Ritenendo infatti che l’ argomento “Islam e terrorismo” possa avere molteplici visioni, per completezza dell’informazione - tipica di Incontri senza censura di fronte a temi delicati - giovedì 29 marzo è previsto un nuovo incontro in libreria con Hafez Haidar, candidato al Premio Nobel per la Pace 2017, libanese naturalizzato italiano, ambasciatore per i diritti umani, uno tra i maggiori studiosi a livello mondiale delle religioni monoteistiche.

Più visti