Redazione
bassanonet.it
Pubblicato il 19-04-2011 10:17
in Basket | Visto 4.346 volte
 

Pallacanestro Marostica: spettacolo da NBA al Palalungobrenta

Zepa vittoriosa su Roncade in una partita ricca di emozioni, nonostante fosse ininfluente per il piazzamento play off

Pallacanestro Marostica: spettacolo da NBA al Palalungobrenta

Giovani Infanti e Enrico Crosato, "spettacolari" nel match

Sulla carta doveva essere una partita dal significato platonico, essendo entrambe le squadre già qualificate ai play off e con poche (Roncade) o nessuna (Marostica) possibilità di mutare il proprio piazzamento, invece quella vista al Palalungobrenta è stata una gara vera, che entrambe le squadre volevano vincere per finire in bellezza la regular season.
Alla fine l’ha spuntata la Zepa, che pur essendo partita male (7-17) pagando dazio alla precisione da tre punti di Visentin e Menegon, ha poi continuato a macinare il proprio gioco trovando dalla panca le alternative vincenti.
Dopo 7’ coach Guadagnini ha già fatto entrare nove giocatori, e dopo un provvidenziale time out Marostica si desta e piazza il 16-4 che vale il sorpasso a quota 23, con un Infanti reattivo e motivato.
Fino all’intervallo si assiste ad un incontro equilibrato e molto fisico, con Roncade che senza Delle Monache si affida al giovane Davanzo sotto i tabelloni.
E sarà proprio un 3/3 dalla media del lungo ex Vbg a propiziare la mini fuga ospite sul 38-42, prima che entri in scena la premiata ditta ‘Crosato & Infanti spa’: le due ali scaligere nel terzo quarto innestano il turbo e segnano otto punti a testa, scavando il break che poi risulterà decisivo: da urlo un halley hoop di Mabilia per Infanti, col friulano che al volo inchioda una spettacolare schiacciata, imitato subito dopo da Crosato che ruba e si invola in contropiede per il 55-49.
Mabilia dal canto ancora non schiaccia, ma colpisce da tre punti per il 58-49, e va benissimo così, mentre per i trevigiani ci provano l’ottimo Visentin e il duttile Menegon, che si occupa anche della regìa per i problemi di falli di Vettori.
Nell’ultima frazione le rotazioni più lunghe di Marostica fanno la differenza, con Seganfreddo a dare il 69-57 e Campiello a firmare il massimo vantaggio sul 71-57 a 5’ dalla fine, mentre coach Volpato dà ampio spazio ai giovani Baraviera e Boubukas, che lo ripagano con una tripla ciascuno.
MVP Infanti. Partita a tutto tondo per la fisicata ala friulana, che col suo ingresso propizia la rimonta di Marostica e le cui giocate spettacolari fanno saltare sulla sedia i presenti.
Chiude con 7/11 da due, otto rimbalzi, quattro recuperi e cinque falli subiti per un 26 di valutazione finale.


MAROSTICA: Montanari 8, Benassi 5, D´Affuso 3, Campiello 7, Crespan 4, Infanti 16, Mabilia 9, Seganfreddo 7, Crosato 20, De Gobbi. All. Guadagnini.

RONCADE: Menegon 14, Visentin 15, Carnieto 11, Vettori 3, Lorenzetto 6, Casonato 2, Barbato 2, Davanzo 6, Baraviera 3, Bouboukas Pandelis 3. All. Volpato.

PARZIALI: 16-21; 36-36; 63-52. T.L.: Marostica 11/17, Roncade 8/8