Pubblicato il 30-09-2017 13:40
in Calcio | Visto 872 volte

Magi live. "Pensavo di essere un po' più avanti"

"Con l'AlbinoLeffe ci aspetta una sfida difficile. Dobbiamo guardare prima noi stessi che gli avversari. La classifica sta mascherando i nostri difetti"

Magi live.

Giuseppe Magi, 46 anni, suona la carica (foto Zen)

Sugli indisponibili: "Non sono convocati Bonetto per una contusione ad un ginocchio e Popovic che va con la Berretti".

Sulla partita: "Affrontiamo una squadra in salute e rientra Kouko. Sono una squadra collaudata, non facile da stanare con buone individualità. Sono bravi a giocare di rimessa, sono bravi a chiudere gli spazi e a ripartire. Però sinceramente non ci facciamo particolari patemi d'animo. Dobbiamo concentrarsi principalmente su noi stessi. Comunque sarà una sfida tra due squadre che sono partite bene in campionato".

Sull'approccio alla partita: "A Bolzano siamo stati bravi nel primo quarto d'ora ad indirizzare la partita. In altre partite l'abbiamo raddrizzata dopo un avvio stentato. Stiamo dimostrando di avere un'anima".

Sull'atteggiamento: "È piena la storia del calcio di squadre che hanno fallito pur partendo col favore dei pronostici. Per diventare grandi ci vuole tempo. Se perdiamo di vista le difficoltà immediate faremo dei gran passi indietro. Se non saremo umili andremo incontro a delle gran delusioni. Il passato non conta, il nostro presente e il nostro futuro sono l'AlbinoLeffe. Dobbiamo fare una grande partita sotto tutti i punti di vista".

Sul momento del Bassano: "Siamo una squadra in costruzione, ci vorrà tempo, ci saranno degli ostacoli da superare. Stiamo lavorando con grande impegno per crescere. Sarà un percorso lungo e difficile. Esserne consapevoli, noi ma anche l'ambiente, è fondamentale. I risultati che stiamo ottenendo stanno mascherando alcuni difetti, sinceramente pensavo a questo punto di essere un pochino più avanti ma ci sta".

    Bassanonet TV

    Libertà è Parola

    Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

    L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

    Più visti