Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 14-03-2015 21:16
in Cronaca | Visto 2.492 volte
 

Rissa furibonda in casa altrui, due arresti

A Tezze sul Brenta quattro giovani entrano abusivamente nell'abitazione di un parente di uno di loro. Tra di loro scoppia il finimondo, con calci e pugni. Due gli arrestati in flagranza dai Carabinieri: già rimessi in libertà, in attesa di giudizio

Rissa furibonda in casa altrui, due arresti

Foto: archivio Bassanonet

La richiesta di intervento ai Carabinieri da parte di alcuni residenti, allertati da rumori e urla, è giunta ieri mattina intorno alle 6.
Una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile del Comando dell'Arma di Bassano del Grappa si è subito recata a Tezze sul Brenta, teatro dell'episodio, dove quattro giovani stavano litigando e si azzuffavano violentemente, colpendosi con calci e pugni. La rissa non è scoppiata per strada, ma all'interno dell'abitazione di un parente di uno di loro, in quel momento assente e ignaro di quella che, da parte dei quattro, è stata una vera e propria intrusione.
Coinvolti nella colluttazione: Nicolò Roncato, 23 anni, residente a Tezze sul Brenta in via Nazionale 74, già gravato da pregiudizi; Sebastiano Bordignon, 23 anni, residente a San Martino di Lupari in via Vittorio Emanuele II 89 ma di fatto dimorante a Cittadella in stradella Viani 7, pure con precedenti; C.G., 21 anni, residente a Bassano del Grappa e L.A.M., 22 anni, residente a Rossano Veneto.
L'esagitato quartetto si era introdotto abusivamente all'interno dell'abitazione di un parente del Roncato - per motivi in corso di accertamento - utilizzando probabilmente una chiave di cui si erano appropriati all'insaputa del proprietario. A un certo punto, per futili motivi - pare per la caduta di un bicchiere - hanno cominciato a scontrarsi e a darsele di santa ragione, procurandosi vicendevolmente lievi lesioni (alle mani, al volto e alle gambe) e danneggiando varie suppellettili della casa: un televisore, vasi in vetro, candelabri, elettrodomestici, mobili, pareti.
La rissa si è sviluppata tra il pianerottolo del condominio e l’abitazione.
All’arrivo dei militari, in casa erano presenti il Roncato ed il Bordignon, arrestati in flagranza per il reato di rissa e accompagnati nelle rispettive abitazioni in regime di detenzione domiciliare, come disposto dall'autorità giudiziaria.
Solo successivamente sono stati identificati anche gli altri due giovani coinvolti nella vicenda, denunciati in stato di libertà per il medesimo reato.
Questa mattina i due arresti sono stati convalidati e il Roncato e il Bordignon rimessi in libertà, in attesa del processo nei prossimi mesi.