Marco Polo
bassanonet.it
Pubblicato il 10-08-2017 20:13
in Calcio | Visto 466 volte
 

Si presenta Diop. Iocolano in B al Bari

L’attaccante senegalese si presenta alla sua nuova platea. Nel frattempo l'ex capitano raggiunge Furlan nella formazione biancorossa

Si presenta Diop. Iocolano in B al Bari

Werner Seeber osserva l'allenamento della squadra mentre medita sull'ultimo colpo

Abou Diop, classe ’93 di proprietà del Torino e giunto in prestito per rinforzare i giallorossi è pronto a diventare un punto di riferimento per l’attacco di mister Magi. Diop è un centravanti di movimento ma sufficientemente dotato fisicamente per rivestire anche i panni di prima punta. Nell’ultimo campionato, ha realizzato 9 reti dividendosi tra Viterbo e Modena. Ai piedi del Grappa cerca la definitiva consacrazione. Ecco le sue dichiarazioni rilasciate all’Ufficio Stampa del sodalizio di via Piave.
"Sono arrivato in Italia, dal Senegal, nel 2009 a quattordici anni, la mia famiglia invece abita ancora a Dakar. Mio padre infatti allena lì, è stato per 9 anni un calciatore professionista in Qatar. La mia prima esperienza italiana è stata nella Triestina, per poi passare nel 2011 al Torino. Nonostante l'età ho già giocato in diverse squadre ed ora sono contento di essere qui e cercherò di dare il massimo. Voglio trovare la continuità che finora nono trovato. Poi sono sicuro che in questa squadra non sarà difficile fare bene, ci sono ottimi elementi, dipende tutto da me.
In carriera ho giocato sia come prima che come seconda punta. Nelle ultime due stagioni sono arrivato sempre a 9 reti segnate in campionato, l'obiettivo è quello di migliorarmi e sfondare la doppia cifra, per dare così una mano alla squadra. Gli anni scorsi non riuscivo a svolgere tutta la preparazione con la squadra in cui andavo in prestito, arrivando già a mercato molto inoltrato, quest'anno è stato diverso e mi sto preparando al meglio per essere pronto al debutto in campionato. Mi sto trovando molto bene qui, la squadra è giovane e formata da bravi ragazzi, mi sono ambientato benissimo fin da subito, faremo bene, ne sono certo".

    Editoriali

    Tronco ferroviario

    Tronco ferroviario

    Alessandro Tich | 68 giorni fa

    Il "Tich" nervoso Quando, per non piangere, non ci resta ogni tanto che ridere

    Più visti