ELEZIONI
Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 20-04-2010 02:22
in Attualità | Visto 6.780 volte
 

Marostica, capitale dei “Vizi”

Inaugurata l'attesa 42° edizione di “Umoristi a Marostica”, con Tinto Brass testimonial d'eccezione. E un autore dichiara: “E' la Champions League dell'umorismo”

Marostica, capitale dei “Vizi”

Una delle opere finaliste nel settore "cartoon". Autore: Luigi Pellanda

“Umoristi a Marostica? E' la Champions League dell'umorismo”.
Chi lo dice è Marco Spadari, riconosciuto vignettista e illustratore, vincitore - alla 42° edizione della rassegna internazionale di grafica umoristica - del premio “Marco Sartore”, riservato agli autori storicamente presenti alla manifestazione.
E se lo dice lui, c'è da credergli. Da oltre quattro decenni gli umoristi grafici dei cinque continenti rispondono alla sfida del Gruppo Grafico Marosticense, organizzatore della rassegna, che ogni anno stimola l'humour e l'ironia dei partecipanti con un tema diverso.
Il tema di quest'anno era quantomai stimolante: “Vizi”.
Dal fumo all'alcool, dal sesso al cibo e fino ai sette classici vizi capitali, il materiale per elaborare graffianti vignette e divertenti strisce non è mancato di certo, come confermato dalla partecipazione di 235 autori provenienti da 42 paesi.
Sabato 17 aprile la rassegna ha vissuto il suo tradizionale momento clou, con la cerimonia di premiazione e di inaugurazione al Castello Inferiore di Marostica.
Un'edizione contraddistinta dall'atteso intervento, in veste di componente speciale della giuria, del regista Tinto Brass: prima che lo stesso, come riferiamo in altri articoli di cronaca, venisse colto nella notte da un malore che lo ha costretto al ricovero d'urgenza all'ospedale di Vicenza.
Al maestro del cinema erotico italiano la rassegna marosticense dedica una sezione speciale con le foto di scena e i manifesti dei suoi film, una sceneggiatura originale disegnata nientemeno che da Guido Crepax (quello di “Valentina”) e la proiezione video di “Hotel Courbet”: cortometraggio erotico del 2009 che vede protagonista Caterina Varzi, la nuova musa ispiratrice del Maestro, pure presente all'inaugurazione al Castello.
“Mi congratulo con gli organizzatori per la scelta del tema, perché per me i vizi sono virtù” - ha dichiarato Tinto Brass che ha anche elogiato “la sensualità e la viziosità della terra veneta”.
Intervenendo in precedenza alla cerimonia, la presidente del Gruppo Grafico Marosticense Cinzia Battistello - oltre a ringraziare il maestro Tinto Brass, la giuria per il lavoro svolto e gli sponsor della manifestazione - ha sottolineato la presenza e il contributo di Bassanonet, media partner della rassegna.
E' arrivato quindi il momento della proclamazione dei vincitori. L'autore moldavo Valerio Kurtu ha vinto il Gran Premio Internazionale Scacchiera per il settore “cartoon” con una vivace vignetta che rappresenta un vizio assai frequente: gettare i rifiuti nel giardino del vicino.
L'artista rumeno Octavian Bour si è aggiudicato invece il Gran Premio Internazionale Scacchiera per il settore “strip”, con una pungente interpretazione del vizio del bere.
Il premio speciale “Sandro Carlesso” per la sperimentazione grafica o stilistica è stato consegnato all'italiana Cristina Bernazzani e il “Marco Sartore”, come già detto, a Marco Spadari.
Gli altri premiati: Tomaso Marcolla (Italia), Andrea Pecchia (Italia), Elena Ospina (Colombia), Sergey Sichenko (Ucraina) e Berjasit Tumying (Thailandia) per il “cartoon” e Huig Gerrit (Stati Uniti), Susan Hotter (Italia) e Toni Vedù (Italia) per le “strip”.
E quest'anno, eccezionalmente, è stato anche istituito un “premio speciale Tinto Brass”, assegnato dal regista al disegno, tra le opere finaliste, che lo ha impresso maggiormente.
A vincerlo è stato uno statunitense dal nome quasi impronunciabile ma dai contenuti molto trasgressivi: Huey Nguyenhuu.
E' seguita l'apertura della mostra delle opere selezionate dalla giuria, che rimarrà aperta al pubblico sempre al Castello Inferiore fino al 30 maggio.
Oltre all'esposizione dei cartoons e delle strip, e accanto alla sezione speciale su Tinto Brass, è allestito anche l'immancabile salone d'autore, dedicato quest'anno ai manifesti di Paolo Bertuzzo, illustratore veneziano, presidente delle giuria di “Umoristi a Marostica 2010”.
Pubblicato, e in distribuzione alla mostra, anche il catalogo della rassegna: autentico oggetto di culto per appassionati e collezionisti.
E come sempre, alla cerimonia inaugurale, è stato annunciato il tema dell'edizione dell'anno prossimo: “Internet”.
Dai vizi dell'uomo, a tutti i pro e contro della rivoluzione del web.