Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 09-03-2011 17:57
in Politica | Visto 2.625 volte

“Il tricolore ai consiglieri di Bassano”

Iniziativa dei giovani del Partito Democratico: una spilletta tricolore in omaggio ai consiglieri comunali di Bassano per i 150° dell'Unità d'Italia. Il gadget sarà consegnato prima del consiglio comunale di domani

“Il tricolore ai consiglieri di Bassano”

Il consigliere comunale bassanese del PD Elisa Cavalli

Il 17 marzo - data fissata per la Festa nazionale del 150° dell'Unità d'Italia - si avvicina, tra gli osanna di chi è favorevole al giusto tributo “ai padri della Nazione” e le critiche, soprattutto da parte leghista, di chi invece ritiene la ricorrenza un inutile spreco di denaro pubblico.
E intanto i Giovani Democratici bassanesi, ovvero i giovani del Partito Democratico, cominciano il loro percorso di celebrazioni per l'imminente anniversario.
Domani pomeriggio, giovedì 10 marzo, alle ore 18, davanti al Municipio di Bassano, il primo atto dell'iniziativa: la consegna agli amministratori locali bassanesi, prima della seduta del consiglio comunale, delle “spillette tricolori autoprodotte da indossare in tutte le sedute consiliari del 2011”.
E' quanto annuncia un comunicato congiunto del segretario di zona dei Giovani Democratici Michele Faggion e del consigliere comunale del Partito Democratico Elisa Cavalli, che assieme ad altri ragazzi provvederanno alla consegna del gadget.
“Il Tricolore - dichiarano nell'occasione Faggion e Cavalli - non racchiude solamente l’identità del nostro Paese, ma è soprattutto un valore che ha accompagnato l’intera sua storia negli ultimi 150 anni: prima, quando giovani valorosi sacrificarono le proprie vite per unificare il nostro paese e poi con le due guerre mondiali, quando altri giovani fondarono la nostra Repubblica. Anche noi, Giovani Democratici del bassanese, vogliamo ricordare le speranze di questi giovani e i loro sacrifici; convinti che l’Unità d’Italia sia senza dubbio una delle pagine più belle della storia d’Italia”
“Siamo certi - concludono i promotori - che in tutti gli stati civili e democratici, gli uomini delle istituzioni sarebbero orgogliosi di portare una spilla con la bandiera del loro Paese nel pieno delle loro funzioni. Ci auguriamo davvero che domani nessuno si vergogni di indossare una delle spillette tricolore che regaleremo.”
Le spillette in omaggio saranno accettate da tutti? E cosa faranno i consiglieri della Lega? Ne daremo conto nei nostri articoli di domani.

Più visti