Alessandro Tich
Direttore responsabile
bassanonet.it
Pubblicato il 07-01-2020 14:15
in Politica | Visto 1.678 volte
 

Casino municipale

Caos direzione Musei Civici: dopo l'intervento di Sgarbi, richiesta dalle minoranze la convocazione urgente della commissione consiliare Cultura “per avere un chiarimento definitivo su una vicenda che presenta troppe opacità”

Casino municipale

Foto Alessandro Tich - archivio Bassanonet

Avete presente un formicaio al cospetto di un formichiere? Questo è l'effetto provocato a Bassano dalla lettera ai quotidiani di Vittorio Sgarbi, presidente della Fondazione Canova, su Chiara Casarin e sul suo ruolo alla Gypsotheca e Museo Antonio Canova di Possagno, da noi pubblicata nell'articolo precedente.
La questione è inestricabilmente collegata anche al rebus della direzione dei Musei Civici di Bassano del Grappa, in una situazione generale che - come più volte sottolineato in questo portale - attualmente veleggia nel caos totale. Casino municipale, senza l'accento sulla “o”. Sull'argomento, proprio a seguito delle dichiarazioni di Sgarbi, intervengono oggi i consiglieri di minoranza in blocco, i quali comunicano di aver richiesto una convocazione urgente della commissione permanente Cultura del consiglio comunale “per avere un chiarimento definitivo su una vicenda che presenta troppe opacità e sulla quale pesa una dannosa incapacità amministrativa”. È quanto affermano in un comunicato stampa trasmesso oggi in redazione, che pubblichiamo di seguito tale e quale, frasi in neretto comprese:

COMUNICATO

“Direzione Musei Civici: basta brutte figure, esigiamo trasparenza”

Leggiamo con molta preoccupazione la lettera recentemente inviata alla stampa locale dal Presidente della Fondazione Canova Vittorio Sgarbi, costretto a prendere pubblicamente posizione per chiarire che “la dott.ssa Chiara Casarin in realtà “non solo non è “direttrice unica”, ma non dirige né Bassano né Possagno”. Come Consiglieri di Minoranza ed ex amministratori denunciamo dallo scorso settembre questa situazione di estrema confusione rispetto alla direzione dei Musei Civici di Bassano, che risulta vacante dal 30 luglio 2019, intervenendo sia informalmente che nelle sedi formalmente deputate della Commissione Cultura e del Consiglio Comunale.

La Sindaca Pavan e la sua Amministrazione stanno gestendo l’avvicendamento ai vertici dei nostri Musei con una leggerezza istituzionale divenuta oggi intollerabile. Dopo aver sospeso il regolare iter predisposto dall’amministrazione Poletto per assicurare stabilità nella direzione dei Musei, la Sindaca/Assessore alla Cultura si è trincerata dietro ad un muro, non accettando alcun suggerimento o dialogo rispetto alle preoccupazioni che abbiamo presentato informalmente e formalmente. Questa arroganza e l’incapacità di ascolto stanno ora compromettendo la reputazione dei nostri Musei e della Città di Bassano.

Con spirito di collaborazione e volontà di assicurare la buona amministrazione della nostra città e dei nostri Musei Civici, abbiamo richiesto una convocazione urgente della V Commissione Consiliare permanente Cultura per avere un chiarimento definitivo su una vicenda che presenta troppe opacità e sulla quale pesa una dannosa incapacità amministrativa. È ora di fare piena trasparenza per rispetto dello storico prestigio del mondo culturale bassanese, nell’interesse dei cittadini di Bassano del Grappa detentori della proprietà del patrimonio civico dei Musei di Bassano.

I Consiglieri Comunali: Giovanni Cunico, Chiara Campana, Roberto Campagnolo, Paola Bertoncello, Oscar Mazzocchin, Riccardo Poletto, Bruno Trevisan, Anna Taras, Angelo Vernillo.