Redazione
bassanonet.it
Pubblicato il 06-12-2013 20:58
in Attualità | Visto 1.859 volte
 

Ferrovie. Pendolari: “Nuovo orario cadenzato: poche luci, tante ombre”

Riceviamo da Dario Berti, portavoce del Comitato Utenti Ferrovie Area Bassanese (UFAB), e pubblichiamo:

Nuovo orario cadenzato - Poche luci, tante ombre

Bassano sarà penalizzata come sempre dal nuovo orario cadenzato che entrerà in vigore il prossimo 15 Dicembre.
Infatti, le prospettive di miglioramento che l'attivazione di un orario cadenzato avevano suscitato, stanno svanendo una dopo l'altra.
Il miglioramento più significativo era quello relativo alla direttrice su Venezia sulla quale il numero dei treni destinati a Bassano era previsto in lieve diminuzione (un solo treno per ora anche nelle fasce orarie di punta!) ma con tempi di percorrenza più brevi. Rispetto alle bozze iniziali di orario che erano circolate, l'orario comunicato ufficialmente da Trenitalia vede ora tempi di percorrenza maggiori e l'introduzione di fermate anche in piccoli centri come Maerne di Martellago, e il timore è che i peggioramenti non siano ancora finiti.
Seppur accettabile la riduzione delle corse in cambio della loro decisa accelerazione, questa, sostengono i pendolari di Bassano, diventa intollerabile se i tempi di percorrenza si allungano nuovamente. Esistono forti pressioni dei comuni vicini a Mestre per aggiungere fermate, nonostante che da quelle stazioni partano già due treni all'ora, il doppio rispetto a Bassano che pure è, con Castelfranco (che avrà comunque due treni ora, il doppio di Bassano), il principale bacino d'utenza della linea.

Ancora più grave la situazione sulla linea per Padova, dove il cadenzamento è stato previsto in partenza da Bassano ai minuti 40, con arrivo a Padova dopo un'ora e 4 minuti. Così i due attuali treni principali del mattino, in partenza il primo alle 7.25 ed il secondo (diretto) alle 8.09 vengono sostituiti da un unico treno alle 7.40 con arrivo a Padova troppo tardi per lavoratori e studenti.
I pendolari dell'UFAB fanno presente che hanno tempestivamente segnalato il problema alla Regione Veneto, responsabile dei servizi, ma senza alcun risultato. Abbiamo chiesto che il cadenzamento venga previsto al minuto 25 anche per migliorare le coincidenze dalla Valsugana per Padova che, con il nuovo orario, comporteranno una inaccettabile attesa di 25 minuti a Bassano.
E' quindi evidente come Bassano sia sempre più penalizzata per il trasporto ferroviario. C'è da chiedersi cosa fanno i nostri amministratori! Intendono muoversi e tutelare gli interessi dei propri cittadini?

Si potrebbe ancora intervenire su Regione e Trenitalia per limitare i danni, ma ancora una volta ci sentiamo soli ed abbandonati.

Comitato Utenti Ferrovie Area Bassanese (UFAB)
Ing. Dario Berti
Pubblicato da interceptor_bdg il 07 dic 2013 23:13 | Segnala abuso
I NOSTRI POLITICI CHE CI RAPPRESENTANO IN REGIONE IN PROVINCIA IN COMUNE ....DORMONO ...E NOI PERDIAMO IL TRENO... www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Bassano/590718_tratta_ferroviaria_bassano-venezia_con_il_nuovo_orario_sette_treni_in_meno/ Per non parlare dei Vicentini e Trentini residenti in Valsugana che dovranno attendere per la coincidenza del Treno per Padova ben 40 minuti ..che si sommano ai già lunghi tempi di percorrenza... Dei treni nei giorni festivi Bassano - Venezia e ritorno qui perderemo ben 10 treni nell'arco della giornata.... praticamente avremo un treno ogni due ore in entrambe le direzioni e con orari che più disperati non si può ,attualmente dopo anni di richieste si poteva partire al mattino per Venezia nei festivi alle ore ATTUALI TRENI FESTIVI BASSANO VENEZIA 05:07 05:58 07:15 09:09 10:08 12:23 13:42 14:30 17:35 18:17 19:16 20:27 Con il nuovo orario qualche buon tempone ha tolto il treno delle 7:15 IL TRENO dei bassanesi da generazioni "l'unico che permette di passare una bella domenica a Venezia " per non parlare di altro bel treno perso quello delle 14:30 per Venezia sempre nei giorni Festivi TRENI FESTIVI DAL 15(12/13 BASSANO VENEZIA 06:25 08:25 10:25 11:25 13:25 15:25 17:25 19:25 Consideriamo poi il fatto che chi arriverà da Trento nei giorni festivi non troverà molti Treni per Venezia....e viversa i turisti "e non sono pochi" non avranno molti treni per...
Pubblicato da interceptor_bdg il 07 dic 2013 23:18 | Segnala abuso
Consideriamo poi il fatto che chi arriverà da Trento nei giorni festivi non troverà molti Treni per Venezia....e viversa i turisti "e non sono pochi" non avranno molti treni da Venezia per Bassano Trento la Valsugana e la sua pista ciclabile.... STIAMO PARLANDO DI COSE DA NON CREDERE... ATTUALI TRENI FESTIVI VENEZIA BASSANO 05:46 07:27 08:27 11:27 12:57 14:27 15:25 15:57 16:50 17:27 18:57 19:34 21:14 TRENI FESTIVI DAL 15 /12/13 VENEZIA BASSANO 07:56 09:56 12:42 13:56 15:56 17:56 19:56 20:56
Pubblicato da interceptor_bdg il 07 dic 2013 23:47 | Segnala abuso
Dimenticavo ... nelle principali stazioni del Veneto sono previsti dei Desk informativi a riguardo del nuovo orario cadenzato Veneto dei treni a Bassano del Grappa non se ne parla... Abbiamo perso il Tribunale ed anche il treno ecco il calendario dei desk informativi mobili guarda caso c'è pure Castelfranco Lunedì 2/12 e 9/12: Treviso, Padova, Mestre. Martedì 3/12 e 10/12: Verona, Vicenza. Mercoledì 4/12 e 11/12: Conegliano, Portogruaro. Giovedì 5/12 e 12/12: Venezia SL, Castelfranco. Venerdì 6/12 e 13/12: Belluno, Rovigo.
Pubblicato da angelovernillo il 09 dic 2013 09:05 | Segnala abuso
la competenza e l'onesta intellettuale dell'ing. Berti sarebbero una voce da tenere in considerazione se davvero si ritiene fondamentale che Bassano possa sfruttare l'invidiabile posizione centrale rispetto al Veneto. Il trasporto è imprescindibile se si vuole, come si dovrebbe fare, pensare che il turismo possa essere un volano formidabile per la prosperità del territorio bassanese. La questione non dovrebbe interessare solo il Comune di Bassano ma tutti i comuni dell'area vasta pedemontana: da Rosà a Mussolente, da Marostica a Rossano, da Romano a Pove. Le amministrazioni locali della nostra zona dovrebbero mettere la voce "trasporti" (non solo quello su gomma...) tra le priorità in cima alla lista. Ritengo sarebbe doveroso pensare ad un tavolo permanente sulla questione coinvolgendo direttamente i gruppi formali ed informali che possono dire e fare qualcosa: in questo le amministrazioni dovrebbero promuovere, spingere e creare sinergie. Consapevoli che nessuno ha la bacchetta magica ma che l'alternativa è accettare per l'intera area, non solo Bassano, una condizione di subalternità e comunque marginalità.
Pubblicato da giangregorio il 13 dic 2013 16:42 | Segnala abuso
Al viaggiatore prima l'orario cadenzato, poi il biglietto aumentato, ed eccovi servito un povero inchiappettato. mattinopadova.gelocal.it/regione/2013/12/12/news/treni-locali-piu-cari-dal-primo-gennaio-1.8286393

Più visti