Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore Responsabile
Bassanonet.it

Illustri

Cena...a due ruote

“Storie di ciclismo a cena”. Al Mozart Bistrò di Bassano serata conviviale dedicata alla memoria di Alfredo Dinale, ciclista di Vallonara vincitore della medaglia d'oro nell'inseguimento a squadre alle Olimpiadi di Parigi del 1924

Pubblicato il 28-01-2016
Visto 4.173 volte

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Mangiare un boccone parlando di ciclismo. E' stato questo l’obiettivo della cena organizzata ieri da Mozart Bistrò a Bassano, in collaborazione con i Ciclisti Storici Bassanesi e Gran Corsa Retrò Cycling Events.
Una serata conviviale nella quale è stata raccontata la vita di Alfredo Dinale, “ciclista d'altri tempi” fino a qualche tempo fa dimenticato, ma che grazie un intreccio di ricerche condotto da Loris Giuriatti e da Luca Maria Chenet è risorto all'attenzione della memoria contemporanea.
Nato a Vallonara l'11 marzo 1900, Dinale ebbe la “fissa” del ciclismo sin da piccolo. A soli 8 anni, costretto ad abbandonare la scuola per andare a fare il panettiere a Lusiana, si recava al lavoro salendo e scendendo le strade dell'Altipiano con una vecchia bicicletta. Una dimestichezza coi pedali, unita alla passione e dedizione per le due ruote, che lo portarono ad essere notato nell’ambiente, prima come dilettante e dal 1924 come professionista dopo aver vinto medaglia d’oro alle Olimpiadi di Parigi, sempre del 1924, nell’inseguimento a squadre assieme ad Angelo De Martino e Aurelio Menegazzi e Francesco Zucchetti. Fu compagno di squadra di Alfredo Binda, per il quale tirava il “treno” per le volate, in particolare nel giro del 1929. La sua grande specialità era la pista, dove ebbe modo di vincere molte “6 giorni” in tutta Europa.

Alfredo Dinale morì nel 1976, dimenticato. Ne hanno raccontato la vita l’avv. Bortolo Brogliato di Vicenza e Loris Giuriatti, con due diversi libri: “Alfredo Dinale campione degli anni ‘30” e “La Perla del Brenta”.
La memoria di questo uomo, definito “eccezionale” dall’avv. Brogliato, non poteva andare dimenticata, tanto che l’Amministrazione comunale di Marostica per il prossimo 10 marzo ha deciso di dedicargli la pista ciclabile che collega proprio Marostica a Vallonara.
La serata - dal titolo “Storie di ciclismo a cena” - è stata un mix di storia, biciclette, territorio e chiacchiere tutti ben dosati, che hanno creato una sorta di passeggiata nella storia, non solo parlando di ciclismo ma anche gustando piatti tipici dei primi del ‘900.

Più visti

1

Politica

27-02-2024

Marinweek

Visto 10.200 volte

2

Attualità

25-02-2024

The Sound of Silence

Visto 10.054 volte

3

Attualità

25-02-2024

Robe di Tappa

Visto 9.984 volte

4

Cronaca

26-02-2024

Centro Schei

Visto 9.853 volte

5

Attualità

28-02-2024

L’uovo alla C.U.C.

Visto 9.619 volte

6

Attualità

26-02-2024

Eau de Toilette

Visto 9.553 volte

7

Politica

28-02-2024

Si Salvini chi può

Visto 9.264 volte

8

Attualità

26-02-2024

DG La7

Visto 9.244 volte

9

Attualità

26-02-2024

Sotto il segno dei Gemelli

Visto 9.169 volte

10

Attualità

29-02-2024

Tar Wash

Visto 8.894 volte

1

Politica

20-02-2024

Sant’Elena

Visto 20.752 volte

2

Politica

10-02-2024

Il grande momento

Visto 13.755 volte

3

Attualità

03-02-2024

Da Bassano con Furore

Visto 12.918 volte

4

Attualità

06-02-2024

Piani Baxi

Visto 11.722 volte

5

Politica

03-02-2024

Campagnolo elettorale

Visto 11.573 volte

6

Politica

04-02-2024

Giunta comunale

Visto 11.459 volte

7

Attualità

07-02-2024

Sarò lapidario

Visto 11.388 volte

8

Attualità

04-02-2024

Vota Antonio, Vota Antonio bis

Visto 11.157 volte

9

Politica

18-02-2024

A Brunei

Visto 10.963 volte

10

Attualità

02-02-2024

Il sig. Francesco

Visto 10.902 volte