Pubblicità

Radici FutureRadici Future
Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 24-07-2010 03:35
in Politica | Visto 3.254 volte

Finco: “Bretella Ovest, Cimatti è confuso e isolato”

Nuovo attacco del consigliere leghista al sindaco di Bassano: "Decide senza mettere al corrente la propria maggioranza"

Finco: “Bretella Ovest, Cimatti è confuso e isolato”

Finco e Cimatti: è polemica sulla Bretella Ovest

“E’ allucinante che il sindaco Cimatti si schieri di fronte alla stampa a favore dell’inserimento nel Ptcp della bretella Ovest Bassano-Padova senza alcun parere politico, e poi in Consiglio comunale si trovi a difendersi confusamente davanti alla sua stessa maggioranza che di queste sue dichiarazioni in tv non sapeva assolutamente nulla ed anzi a quell’asse viario è pure contraria”.
Il consigliere regionale leghista Nicola Finco commenta così quanto avvenuto ieri sera in Consiglio comunale a Bassano, dove il sindaco Cimatti si è trovato a rispondere alla propria maggioranza in merito all’appoggio alla bretella Ovest dichiarato ad alcuni organi di stampa, “senza - afferma Finco - metterne al corrente gli alleati, in primis il Pd, da tempo contrari a quella strada. Ed avrebbe tirato dritto, il sindaco, se noi della Lega non lo avessimo incalzato in merito con un’interrogazione urgente a firma mia e dei consiglieri Luciano Todaro e Tamara Bizzotto”.
“Il 4 agosto - prosegue Finco - è fissata la scadenza dei termini per le osservazioni al Ptcp in Provincia, osservazioni che Tezze e Rosà hanno già presentato: Cimatti invece ha differito tutto pensando di decidere in autonomia dandone notizia alla stampa e senza convocare in merito un Consiglio comunale per mettere ai voti la questione, ben sapendo che si sarebbe trovato in minoranza. Soluzioni di questo tipo hanno tutto l’aspetto di autoritarismi che poi si pagano." "E infatti - dichiara ancora il consigliere leghista - ieri sera Cimatti, incalzato dalla Lega Nord, è apparso confuso davanti ai consiglieri, costretto alla fine a convocare d’urgenza un Consiglio entro il 4 agosto per discutere della bretella”.
“Questo avviene - prosegue Finco - perché Cimatti ancora una volta stava per compiere una scelta autonoma in evidente spregio delle opinioni dei cittadini e del Consiglio su una strada su cui, al momento, non c’è accordo né per le modalità di realizzazione né per il tracciato ad Est piuttosto che ad Ovest." "Perché questa decisione arbitraria - continua l'esponente del Carroccio - nel momento in cui stiamo lavorando finalmente uniti, dopo 40 anni di attesa, per la Valsugana? Perché raccontare cose non vere dicendo che il casello Ovest della Pedemontana è stato spostato in previsione della realizzazione della bretella, quando il commissario Vernizzi ha confermato e verbalizzato che così non è?"
"Cimatti - conclude Finco - sembra prendere in giro anche i suoi stessi alleati del Pd, che si sarebbero trovati a subire l’imperio del sindaco su una strada che non vogliono e che in Consiglio, quando entro il 4 agosto sarà data loro l’occasione, avverseranno come è già stato detto dai vertici locali del Pd e dalla consigliera regionale Laura Puppato. Sarà per questo che Cimatti voleva decidere da solo, per evitarsi forse una sonora ed umiliante figuraccia… Certo è che al momento la priorità per il bassanese è la Valsugana, su cui tutte le amministrazioni sono concordi riguardo al tracciato in Sinistra Brenta, per il quale a brevissimo sarà scelta la ditta vincitrice”.

Pubblicità

Celebrazioni PonteOpera EstateMostra

Più visti