Pubblicità

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 19-06-2010 02:47
in Attualità | Visto 3.042 volte

Marchetti e la Padania

Il portiere di Cassola ai Mondiali: “Dalle mie parti si tifa Italia”

Marchetti e la Padania

Federico Marchetti in conferenza stampa a Centurion (fonte: ansa.it)

Renzo Bossi - chiamato amabilmente “La Trota”, padano in carriera, figlio d'arte dell'illustre padre Umberto - è avvertito. La laboriosa gente del nord che abita a Bassano del Grappa e dintorni ai Mondiali tifa per l'Italia. Con buona pace di Radio Padania, emittente gufante nei confronti degli azzurri, che nel corso della radiocronaca di Italia-Paraguay ha ritenuto di esultare al gol dei sudamericani.
La stilettata al cuore dell'orgoglio padano è giunta per voce di Federico Marchetti, nato a Bassano e cresciuto a Cassola, a cui la sorte - dopo l'infortunio di Gigi Buffon - ha riservato l'onere e l'onore di difendere la porta dell'Italia e di diventare, all'improvviso, uno dei calciatori più contesi per le interviste e dichiarazioni tra i giornalisti al seguito della nazionale in Sudafrica.
Stuzzicato sull'argomento dai cronisti in conferenza stampa nella sede di “Casa Azzurri” a Centurion (Pretoria), Marchetti - con la stessa lucidità che ha dimostrato fino adesso tra i pali - ha replicato così: "Dalle mie parti dite che si fa il tifo contro l’Italia? Non credo, tutti noi ragazzi non vedevamo l'ora del Mondiale per tifare per gli azzurri. Saranno stati altri tempi, eppure non sono così vecchio. Sono questioni politiche e non voglio entrarci: so solo che ho sempre tifato Italia e non ho mai avvertito tifo contro.”
E poi via con i ricordi della sua terra: “L’ho lasciata a 14 anni per inseguire un sogno, quello del pallone”. E ancora: “Lì ci sono i ricordi, gli amici, le radici, la mia famiglia e i miei valori. Sono andato via da ragazzino, ma se non fossero così forti quei legami, non avrei superato i momenti difficili della mia vita.”
E così, grazie ai riflettori puntati su Marchetti, i nomi di Bassano e di Cassola - per motivi sportivi ma anche politici - riempiono all'improvviso le notizie dei giornali online e delle agenzie di stampa. L'inviato dell'Ansa in Sudafrica spiega che “Bassano del Grappa è ora a maggioranza di centrosinistra, ma con forte presenza della Lega.” Tuttosport commenta invece che “C'è una Padania che via radio tifa contro l'Italia e c'è un Nordest che non ci pensa un attimo a fare il contrario.”
Effetti collaterali delle dichiarazioni di Federico da Cassola, ormai destinato, qualunque cosa faccia e qualunque cosa dica, a fare notizia.

Pubblicità

MostraOpera Estate

Ultimora

Più visti