ELEZIONI
Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 23-05-2010 09:55
in Attualità | Visto 2.591 volte
 

Inter, we are the champions!

Il trionfo interista in Champions League scatena i tifosi in Piazza Libertà. Grande festa e caroselli di auto fino alle ore piccole

Inter, we are the champions!

Tifosi interisti in delirio in Piazza Libertà

Al Leon Bar, all'angolo di Piazza Libertà a Bassano, spunta una Coppa dei Campioni piena di spumante. Ed è doccia per tutti. Da pochi minuti capitan Zanetti ha alzato al cielo la coppa dalle grandi orecchie: l'Inter è campione d'Europa, un anno tre tituli, 2 a 0 sui panzer del Bayern Monaco, due capolavori del principe Milito, una squadra inesorabile e compatta, fuochi d'artificio sul Santiago Bernabeu, Mourinho che piange come un bambino dopo l'abbraccio con Moratti e il sogno atteso da 45 anni che diventa inebriante realtà.
In pochi minuti, rivoli di tifosi nerazzurri arrivano dai quattro punti cardinali nel cuore del centro storico e inizia l'assordante festa, che impazza fino alle ore piccole. Incessanti caroselli di auto, trombe e sirene che squarciano, senza fine, l'atmosfera: attorno a mezzanotte la piazza è stracolma di amore interista.
Sono in gran parte giovani, ma anche famiglie con figlioli al seguito, debitamente rivestiti con la bandiera della beneamata. Non mancano i tifosi sopra gli “anta”, con tanto di pancetta e barba grigia. Testimoni dell'epopea di Mazzola, Suarez, Corso, si godono finalmente l'attimo fuggente che aspettavano da più di quattro decenni. Fa il suo ingresso uno striscione: “Sul tetto d'Europa, Bayern auf wiedersehen”. La Champions League, più dello scudetto, scatena i sentimenti più incredibili. Tra i cori più gettonati: l'immancabile “Siamo noi, siamo noi, i campioni dell'Europa siamo noi” e l'altrettanto inevitabile “Chi non salta rossonero è”. Giovanni Reginato, medico chirurgo e consigliere comunale, è al settimo cielo: “L'ultima Coppa dei Campioni avevo cinque anni, non me la ricordo neppure.” Giannina Scremin, direttore della Cna di Bassano del Grappa, sfoggia orgogliosa un total look nerazzurro. Al Caffè Danieli è un pellegrinaggio continuo: Achille “Aki” Miotti, il titolare, è uno storico tifoso interista. Tra una birra e l'altra da spinare, elogia lo special one: “Mourinho è un serio professionista, in un calcio di dilettanti”.
Pensieri e parole colte al volo nella grande notte della Bassano nerazzurra. Una notte davvero special one. Bayern auf wiedersehen, ma siete stati dei grandi avversari.
San Bassiano? Nossignori: qui è San Siro.