Pubblicità

Radici FutureRadici Future
Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 15-09-2021 19:21
in Politica | Visto 6.161 volte

Il Palazzo risponde

Roberto Gerin (Lega) e Marina Bizzotto (Impegno per Bassano) replicano al Partito Democratico sulla questione del prolungamento della scadenza dei consigli di quartiere

Il Palazzo risponde

Foto Alessandro Tich

Oh, benon: siamo definitivamente usciti dal torpore estivo. Ieri su questo portale ho pubblicato il comunicato stampa del Circolo di Bassano del Grappa del Partito Democratico che dice peste e corna all’amministrazione Pavan a riguardo dell’annunciata decisione di “congelare” le elezioni dei consigli di quartiere, prolungandone il mandato a tempo indeterminato.
Oggi non è mancata la risposta del Palazzo. Anzi, la doppia risposta: dal momento che a replicare al PD bassanese, con due note stampa distinte, sono rispettivamente il capogruppo consiliare della Lega Roberto Gerin e la capogruppo consiliare di Impegno per Bassano Marina Bizzotto. Bando alle ciance dunque ed ecco a voi le due repliche nell’ordine:

COMUNICATO
Gerin “Nessun blocco della democrazia”.

Bugia o demagogia, questo è il dilemma.
Ancora una volta l’informazione della sinistra travolge i fatti per un mero interesse politico, e ciò non fa bene nemmeno alle rappresentanze di opposizione di questa amministrazione. Viene respinta al mittente l’accusa all’Amministrazione Pavan, da parte del Pd bassanese di aver deciso autonomamente la modifica ai Regolamento dei Quartieri che prevede il prolungamento dell’attuale mandato dei Consigli.
Le ragioni che hanno portato a questa scelta sono ben altre e facilmente riassumibili.
La scorsa primavera sono stati gli stessi Consigli di Quartiere a chiedere all’Amministrazione Comunale di rinviare le elezioni inizialmente previste per il mese di ottobre. E le ragioni addotte dai vertici dei rioni sono state di due ordini: da un lato l’impossibilità, dettata dall’avvento della pandemia, di portare a termine iniziative e progetti pensati per il proprio mandato. Dall’altra la difficoltà, dettata proprio dal particolare momento storico, di riuscire a coinvolgere i quartieri stessi e trovare, pertanto, un possibile ricambio ai loro vertici.
Preso atto della proposta dei quartieri, il sindaco Elena Pavan ha chiesto al loro coordinatore Mauro Torresan di convocare i consigli, per trovare conferma alla loro richiesta. Nel primo incontro ben 14 rioni si erano dichiarati favorevoli al rinvio del voto (alcuni avevano persino ipotizzato un rinvio di ben 3 anni). Un numero salito persino a 19, sui 22 quartieri esistenti città, nel corso della riunione tenutasi lo scorso lunedì 13 settembre.
Insomma, dire che l’Amministrazione intende fermare la democrazia è un’affermazione falsa e pretestuosa. Come lo è l’accusa di non aver dato ascolto alla città: cos’altro sarebbe, infatti, l’accogliere le proposte dei quartieri se non dare ascolto ai cittadini?
Respingiamo, dunque, con decisione le accuse rivolte dal Pd, cui anzi imputiamo la volontà di politicizzare una realtà, quella dei quartieri, che rappresenta invece la massima espressione di scelta e volontà dei cittadini bassanesi.
Ora vadano lorsignori a raccontare ai quartieri e vengano in Consiglio Comunale a votare contro lo spostamento delle elezioni e giustifichino anche le motivazioni contrarie a qui 20 quartieri che invece l'hanno richiesto. Questa amministrazione è per la gente è tra la gente, per il bene dei cittadini e per il bene della città.

Roberto Gerin
Capogruppo Lega

COMUNICATO

Apprendo con stupore la presa di posizione del Partito Democratico sulla previsione di prolungamento del mandato dei Consigli di Quartiere. Una necessità portata all’attenzione dell’amministrazione dai quartieri stessi che, con ampia maggioranza di 19 favorevoli su 22, hanno espresso l’istanza di poter prolungare il proprio mandato al fine di completare molteplici iniziative fermate dall’avvento della pandemia.
Non comprendo onestamente dove sia la “pericolosità” nell’aver ascoltato e raccolto da parte dell’amministrazione queste richieste dei rappresentanti di questi fondamentali organi di partecipazione e volontariato che, giustamente, chiedono di poter concludere il loro compito.
Inorridisco inoltre di fronte alla fake news divulgata dal comunicato del Partito Democratico: parlare di prolungamento a tempo “indeterminato” significa riportare in mala fede notizie false e pretestuose per il solo fine di creare un caso politico. Basta prendere la bozza di modifica al regolamento per evincere che la proroga sarà di massimo 12 mesi, su decisione del Consiglio Comunale e solo a fronte di eventi eccezionali. D’altronde sarebbe impossibile per lo stesso regolamento prevedere una proroga indeterminata, visto che vi sono delle limitazioni temporali espressamente previste per far sì che l’elezione dei comitati non si sovrapponga a quella delle amministrative; elemento stabilito per salvaguardarne il più possibile il ruolo di tipo volontaristico.
Infine, sulle insinuazioni che questa posizione dell’Intercomitato dei Presidenti di quartiere sia figlia della vicinanza di alcuni all’attuale amministrazione, stendo un velo pietoso dato che tutte le compagini politiche, nella storia delle elezioni amministrative di Bassano, hanno sempre pescato ampiamente dai comitati e dai presidenti di Quartieri, compresa l’ex amministrazione Poletto di cui, se si fossero dimenticati, i componenti del Partito Democratico facevano parte.

Marina Bizzotto
Capogruppo Impegno per Bassano

Pubblicità

MostraOpera EstateCelebrazioni Ponte

Più visti