Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 22-02-2019 20:22
in Attualità | Visto 3.024 volte
 

Mica cioccolatini

La giunta comunale approva la proposta pubblico/privato per l'insediamento di una media struttura di vendita nell'immobile di via Roma di proprietà della ditta F.lli Fietta. Riconosciuto il “rilevante interesse pubblico” dell'operazione

Mica cioccolatini

Foto Alessandro Tich

C'è chi lascia, chiudendo attività e bottega, e chi invece non lascia e anzi raddoppia.
In un centro storico come quello di Bassano, dove il viavai (più via che vai) delle vetrine vuote la dice lunga sulla difficoltà di molti negozianti a reggere al peso degli affitti e alle sfide dei nuovi tempi, la non frequente circostanza che qualcuno decida di investire per ampliare la propria offerta commerciale fa notizia. È il caso dell'accordo pubblico/privato con il quale l'Amministrazione comunale, con specifica delibera di giunta, ha dato il proprio benestare al cambio d'uso di destinazione del primo piano dell'immobile compreso tra i numeri civici 35 e 41 di via Roma, nel cuore di una delle principali vie dello shopping nel salotto cittadino.
Il fabbricato è di proprietà della ditta Fratelli Fietta ed è attualmente ad “uso misto”.
Il piano terra dell'immobile ospita l'ampio locale del negozio Dolce Idea, di proprietà di una società della stessa famiglia (Fietta Dolciumi Sas) e il locale dell'Enogastronomia Antonio Baggio, storica bottega bassanese.
Il piano superiore dell'edificio, composto da due distinte “unità immobiliari”, è invece a destinazione direzionale. Con l'atto di accordo tra privati e Comune, il piano di sopra diventerà a destinazione commerciale. È infatti intenzione della proprietà privata, a seguito di un intervento di ristrutturazione interna, insediare nel fabbricato una nuova “media struttura di vendita”, suddivisa su due piani.
La proposta di accordo dei privati viene “valutata preliminarmente” dall'Amministrazione comunale come un'operazione di “rilevante interesse pubblico”. Ovvero - per dirlo in maniera più dettagliata con le stesse parole espresse in delibera - l'intervento persegue le seguenti “finalità di interesse pubblico rilevante”: sistemazione di fabbricati in stato di abbandono all'interno del centro storico; miglioramento del decoro urbano; rivitalizzazione di un significativo comparto di via Roma, individuata dal Piano degli Interventi a “vocazione commerciale” e impulso alla crescita economica del territorio con la creazione di nuove opportunità occupazionali.
Onde per cui, “il Comune perseguirà il prevalente interesse pubblico con la progettazione ed approvazione di una variante al Piano degli Interventi” per il cambio d'uso del primo piano dell'immobile da direzionale a commerciale.
Dal canto suo la ditta proponente dovrà versare al Comune, all'atto della sottoscrizione dell'accordo, un importo economico da essa stessa proposto di 10mila euro, quale “corrispettivo di interesse pubblico” a tornaconto dell'ente comunale. In più la ditta F.lli Fietta si farà carico delle “spese di progettazione e pubblicità” della variante urbanistica in questione, concordate forfettariamente in complessivi 2mila euro.
Prossimamente dunque, in questo “significativo comparto” di centro storico, arriverà il momento dei lavori in corso. Che dureranno, a quanto pare, almeno per un paio d'anni.
Non certamente dei lavori qualsiasi. Dal momento che, siano dolciumi o anche non dolciumi, la futura “media struttura di vendita” è comunque destinata a modificare gli assetti merceologici di via Roma e del centro storico in generale. Mica cioccolatini.