ELEZIONI
Redazione
bassanonet.it
Pubblicato il 16-05-2014 19:21
in Politica | Visto 1.491 volte
 

Lavoro...al Centro Studi

“Lavoro e partecipazione: ripartiamo dai giovani e dai quartieri”: il candidato sindaco Riccardo Poletto incontra la stampa al Centro Studi di Bassano per presentare altre due tematiche portanti del suo programma

Lavoro...al Centro Studi

Il candidato sindaco Riccardo Poletto con un gruppo di candidati e sostenitori della sua coalizione

Questa mattina dall’area del Centro Studi di Bassano Riccardo Poletto, candidato sindaco della coalizione di centrosinistra, ha presentato alcune proposte d’intervento sui temi del lavoro e della partecipazione.
“Il lavoro è una priorità e in questa priorità c’è l’emergenza della disoccupazione giovanile - ha sottolineato Poletto -. Per quanto di competenza il Comune deve svolgere un ruolo attivo per creare occasioni e opportunità soprattutto per i più giovani. E questo significa ad esempio promuovere, di concerto con gli istituti scolastici, iniziative di accompagnamento nel percorso scuola-lavoro: per dare le giuste competenze ai nostri ragazzi e far trovare alle imprese giovani preparati.” “Significa facilitare - ha ancora detto - l’avvio di nuove attività e startup anche attraverso la ricerca di finanziamenti e fondi. Significa ancora investire sul turismo con un piano di marketing territoriale per valorizzare la nostra storia e i nostri luoghi. Un’opportunità concreta di cui stasera parlerò con il Sottosegretario Lotti per chiedere che Bassano possa essere capofila in Veneto per le celebrazioni del Centenario della Grande Guerra.”
Oltre a queste proposte Poletto ha citato sul fronte del lavoro anche la necessità di sburocratizzare e uniformare regolamenti e normative con i Comuni del comprensorio per andare incontro alle richieste di semplificazione di cittadini e imprese, il rilancio del tavolo di concertazione sul lavoro e il sostegno all’attività agricola, oltre all’impegno per dare aiuti veloci e concreti a chi si trova in situazioni di emergenza.
Per quanto riguarda la partecipazione Riccardo Poletto ha invece lanciato l’idea di sperimentare il bilancio partecipato: “Dobbiamo coinvolgere i quartieri sin dall’inizio della pianificazione della città. I progetti e gli interventi vanno condivisi con chi abita nelle zone interessate. Per questo vogliamo non solo rafforzare il rapporto con i quartieri, ma vogliamo tentare anche una sperimentazione di bilancio partecipato, con una percentuale di fondi comunali la cui destinazione verrà decisa assieme ai cittadini, con un reale processo partecipato. Perché siano davvero i bassanesi ad indicarci le priorità di intervento e le opere necessarie per i loro quartieri.”
“Avremmo voluto inserire nel Regolamento dei Quartieri - ha aggiunto - la consultazione obbligatoria per le questioni più importanti che li riguardano. Consultare i quartieri è una prassi, ma il problema è il “quando”: sentirli è importante, ma non a scelte compiute.”
Sempre in tema di partecipazione Poletto ha inoltre ribadito la necessità di investire ancora sull’Urban Center, non solo come vetrina dei progetti del Comune ma soprattutto come spazio di co-progettazione delle idee per la città “in cui si raccolgono istanze e si condivide il percorso decisionale coi cittadini”.