Canova
Canova

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Attualità

Smart People

Nasce l'associazione Bassano Viva, ovvero la “Casa degli Innovatori”. La sua missione: “Condividere e promuovere la cultura dell'innovazione sul territorio bassanese”. Target dichiarato del neonato sodalizio: i giovani e gli under 35

Pubblicato il 05-07-2013
Visto 4.493 volte

Canova

Il suo nome sarebbe perfetto per una lista civica: Bassano Viva.
Ma l'associazione culturale fondata in questi giorni da dieci giovani professionisti, in gran parte operanti nel settore della comunicazione - età media, 35 anni - non è niente di tutto ciò. La sua missione, infatti, è quella di “Casa degli Innovatori”: ovvero - come recita il manifesto del neonato sodalizio - “un laboratorio attivo e una piattaforma d'incontro per tutti gli innovatori bassanesi e in generale del nordest: area ad altra concentrazione di talenti ed eccellenze che operano ogni giorno nel proprio settore con creatività e spirito di innovazione.”
Insomma: un collettore di idee innovative sulle tematiche che coinvolgono la nostra vita quotidiana (economia, ecologia, tecnologia, cultura e società) che saranno diffuse, condivise e messe in rete sul sito web bassanoviva.it e tramite i social network, e presentate periodicamente alla cittadinanza con incontri pubblici, dibattiti e eventi.

I soci fondatori di Bassano Viva presenti alla conferenza stampa di presentazione all'Urban Center (foto Alessandro Tich)

A cominciare da venerdì prossimo 12 luglio, quando al Caffè dei Libri in vicolo Gamba in città, alle ore 21, interverrà il direttore generale del VEGA - Parco Scientifico e Tecnologico di Venezia Michele Vianello, che presenterà la sua ultima pubblicazione “Smart Cities. Gestire la complessità urbana nell'era di internet.” “Un momento speciale per tutta la cittadinanza - commentano i promotori dell'associazione - per confrontarsi e riflettere sui temi proposti da chi cerca di formare, in modo strutturato, una nuova generazione di innovatori dei territori urbani.”
La conferenza stampa di presentazione di Bassano Viva si svolge - non a caso - all'Urban Center, la grande idea incompiuta della nostra città. Uno spazio tanto potenzialmente strategico quanto tristemente sottoutilizzato, che i fondatori di Bassano Viva (Tammaro Barra, Roberto Campagnolo, il presidente Giovanni Cunico, il segretario e tesoriere Michele Faggion, Antonio Fiorese, Denis Foffano, Stefano Mocellin, Martina Remonato, Morena Stocchero, Barbara Zanetti) si propongono di coinvolgere tra le sedi di primo piano delle proprie iniziative. Le quali, a detta degli stessi promotori dell'associazione, intendono dare “molta concretezza attorno a un'idea digitale”.
“La situazione socioeconomica si è fermata, ma sappiamo che c'è una Bassano che funziona - afferma il presidente Giovanni Cunico -. Ci proponiamo con la logica di una start up, per andare a diffondere la cultura dell'innovazione, sociale, culturale e politica. La nostra è una piattaforma dove si fa cultura dell'innovazione. Nel nostro sito abbiamo la sezione “sostienici”, per richiamare nuovi soci e attivare una formula di found raising che ci permetta di promuovere eventi no profit come incontri pubblici e workshop.”
“Vogliamo fare entrare più giovani possibile, under 35 - aggiunge il socio fondatore Stefano Mocellin -, per ascoltare le loro idee e portare entusiasmo nelle cose pubbliche. Idee che non si rivolgono solo a Bassano, ma a tutto un territorio che ha dinamiche che si intersecano. Non siamo l'ennesima associazione culturale che si aggiunge alle altre già esistenti, ma vorremo anzi integrarci con le altre associazioni per diffondere anche le loro idee.”
“Saremo in contatto anche con i giovani bassanesi fuori da Bassano, che stanno vivendo esperienze innovative all'estero - sottolinea Cunico -. La Casa degli Innovatori è casa loro. Speriamo di infilarci nel dibattito pubblico per dare il nostro contributo, e per influenzarlo.”
Riusciranno i nostri eroi a proporre e a far accogliere le idee del “laboratorio di innovazione” alla cosiddetta classe dirigente locale, a cui ancora oggi - per la maggior parte dei suoi componenti - il fatto di confrontarsi con la gente sulle piattaforme web, di aprirsi alle novità che nascono dalla Rete e di rispondere alle sollecitazioni delle community digitali fa venire l'orticaria?

Più visti

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.126 volte

2

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.149 volte

3

Attualità

24-11-2022

Born To Be Wild

Visto 6.387 volte

4

Attualità

23-11-2022

Pantani in pista

Visto 6.379 volte

5

Musica

24-11-2022

Flaviada con Paolo Conte

Visto 3.361 volte

6

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 2.288 volte

7

Lavoro

21-11-2022

E i salari?

Visto 203 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.126 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.389 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.125 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.564 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.534 volte

6

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.425 volte

7

Attualità

29-10-2022

O mia cara finestra

Visto 7.393 volte

8

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.354 volte

9

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.282 volte

10

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.149 volte