Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 25-11-2013 20:52
in Politica | Visto 2.980 volte

Cassola, il vice sindaco e chi ne fa le veci

Al corteo di Bassano per il Tribunale il sindaco di Cassola era rappresentato dall'assessore ai Lavori Pubblici Strazzabosco. Al posto del vice sindaco Miotti, pure presente alla manifestazione. Scatta l'interrogazione di due consiglieri comunali

Cassola, il vice sindaco e chi ne fa le veci

L'assessore di Cassola Corrado Strazzabosco, in secondo piano dietro al governatore Zaia, in testa al corteo di venerdì scorso verso il Ponte degli Alpini (foto Alessandro Tich)

Silvia Pasinato: assente. A forza di segnalare chi c'era e chi non c'era alla manifestazione di venerdì scorso sul Ponte di Bassano a sostegno della causa della riapertura del Tribunale, ci sembra di fare il verso al professore che fa l'appello in classe.
E nel nostro personalissimo registro scolastico, il nome del sindaco di Cassola è tra quelli che mancano. Il primo cittadino cassolese, in realtà, negli ultimi tempi sta “bruciando” regolarmente. Alle manifestazioni di rilievo comprensoriale, cioè, e in particolare alle mobilitazioni per il ripristino della sede giudiziaria, non si fa vedere. Presa probabilmente da altri impegni o forse più intenta a organizzare gli ultimi mesi del suo mandato amministrativo.
Al corteo e alla manifestazione sul Ponte degli Alpini, tuttavia, il Comune di Cassola - come gran parte delle altre municipalità dell'ex circondario giudiziario bassanese, Altopiano di Asiago compreso - era regolarmente presente.
Ma la fascia tricolore, in sostituzione e in rappresentanza del sindaco, non era indossata dal vice sindaco Egisto Miotti, che pure era presente alla manifestazione, ma dall'assessore ai Lavori Pubblici, e avvocato di professione, Corrado Strazzabosco.
Una scelta che, per i consiglieri del gruppo Cassola Democratica e dei Valori Giuseppe Petucco e Celestina Tessarolo, “appare quantomeno strana”.
Sulla rappresentanza ufficiale conferita all'assessore Strazzabosco, con delega a indossare la fascia tricolore, e sulla presenza a Bassano senza alcun ruolo istituzionale del vice sindaco in carica Miotti, i due consiglieri di opposizione hanno quindi presentato un'interrogazione.
Nel documento, Petucco e Tessarolo chiedono al sindaco “se siano state rispettate le disposizioni di legge relative al conferimento della delega di rappresentare il sindaco nella manifestazione pubblica” e “per quali ragioni non è stata conferita la delega al vice sindaco Egisto Miotti, visto che era presente e quindi non vi era alcuna ragione di sostituirlo, ma la stessa è stata conferita all'assessore Strazzabosco.”
Qualunque ne sia stata la ragione, in occasione dell'appuntamento di Bassano il Comune di Cassola ha inaugurato un'insolita sovrapposizione di ruoli: e cioè la contemporanea presenza del vice sindaco e di chi ne fa le veci.
Scelta condivisa all'interno della giunta, semplice “dimenticanza” istituzionale o segnali di fumo in vista dell'imminente campagna elettorale in quel di Cassola, per la quale Silvia Pasinato pare intenzionata a non ripresentarsi?

LIBERTA' E' PAROLA #LIVE - INTERVISTA A LORIS GIURIATTI SUL SUO LIBRO "L'ANGELO DEL GRAPPA"

Ricominciano le nostre dirette e con un ospite capace di farci emozionare con la sua passione e le sue parole. Stiamo parlando del nostro amico...

Più visti