Canova
Canova

Redazione Redazione
Bassanonet.it

Sociale

Al via il Festival della creatività


Dal 3 al 5 marzo presso l'Auditorium Vivaldi di Cassola

Pubblicato il 03-03-2022
Visto 2.731 volte

Canova

Il 3, 4 e 5 marzo all’Auditorium Vivaldi di Cassola, nell’ambito del Festival della Creatività, si alterneranno spettacoli per le scuole e una performance aperta alla cittadinanza a cura di Diversamente in danza. Da quest’anno il festival, alla sua quinta edizione, perde la parola “disabilità” diventando un momento di condivisione per riflettere sull’unicità che contraddistingue ognuno di noi.

Ingresso a tutti gli eventi gratuito. E’ possibile prenotare per lo spettacolo del 5 marzo: forms.gle/Nb4HChEcYDzhCb8d8

Gretel


Apre il festival il 3 marzo Gretel liberamente ispirato alla celebre storia dei fratelli Grimm. Lo spettacolo pone l’accento sul complesso processo di accettazione di un figlio speciale, come quello che viene raccontato da Collettivo Clochart. Gretel è infatti, nella storia e sulla scena una ragazza, Giorgia, affetta da sindrome di down. Questo spettacolo è prodotto da Associazione Atti con il supporto di Fondazione Caritro è riservato agli studenti delle scuole secondarie di primo grado mentre YoYo piedi ruota, in programma il 4 marzo è pensato per i ragazzi della primaria. Realizzato da Santibriganti Teatro, con la collaborazione di Fondazione Paideia, HB Torino Uicep Minibasket / Associazione Sport Disabili e Ballo Anch’Io, il progetto nasce dal desiderio di raccontare la disabilità che incontra l’abilità in un ambito apparentemente discordante come il campo da gioco, in questo caso quello di basket.
Chiude il festival la performance aperta alla cittadinanza Opus Incertum di Diversamente in danza in programma il 5 marzo alle ore 21.00. Nello spettacolo sei danzatrici, con diverse abilità, trovano modi, tempi e spazi per creare una performance artistica solida e uniforme. Il progetto è nato nel 2003 con l’obiettivo di capovolgere una tendenza corrente: sempre più spesso attività artistiche vengono inserite nei luoghi dedicati alla disabilità in virtù dei benefici che possono portare alle persone disabili. Diversamente in danza porta le persone disabili nei luoghi dedicati all’arte e, in particolare, nelle scuole di danza. Oggi il progetto coinvolge cinque scuole e più di un centinaio di persone. “La convinzione alla base di questo lavoro, spiega Giorgia Panetto, insegnante, è che ognuno abbia un limite o una peculiarità che lo rende unico. E la danza aiuta chi pratica e chi assiste a esserne più consapevoli”.

“Sono felice che quest'anno il Festival abbia perso, nel suo nome, la parola “disabilità”, perché in realtà ciò lo arricchirà e lo renderà ancora più inclusivo – commenta l'assessore alla cultura, all'istruzione, allo sport e alle politiche giovanili Marta Orlando Favaro -. Gli appuntamenti in cartellone per questa edizione, d'altra parte, vogliono farci riflettere proprio sul fatto che la passione e la creatività sono strumenti a disposizione di tutti per rispondere al meglio alle sfide della vita. E così, come vedremo nel corso degli spettacoli proposti, attività sportive o artistiche (come la pallacanestro o la danza) che siamo abituati a ritenere prerogativa di chi ha abilità “normali”, possono diventare, anche per chi ha doti diverse, uno spazio di espressione privilegiato, da esplorare con modalità nuove e originali”.

“Questa rassegna ci è da sempre particolarmente cara, tanto da essere ormai diventata parte integrante del nostro palinsesto culturale – rimarca il sindaco Aldo Maroso -. Mi piace sottolineare questa continuità, perché conferma che le azioni messe in campo dall'Amministrazione per l'accessibilità e l'inclusione non sono classificabili come interventi spot ma rientrano in programma di ampio respiro che coinvolge tutti gli ambiti: dalla cultura allo sport, dall'urbanistica alle opere pubbliche. E se dal titolo del Festival è sparita la parola "disabilità", forse è proprio perché questa etichetta ormai non ha più senso, dato che ogni nostro intervento mira ad abbattere le barriere: quelle fisiche e soprattutto quelle mentali”.

Il Festival della Creatività è organizzato da Fondazione Aida e il Comune di Cassola nell’ambito della stagione dell’Auditorium Vivaldi.

Più visti

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.115 volte

2

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.073 volte

3

Attualità

24-11-2022

Born To Be Wild

Visto 6.380 volte

4

Attualità

23-11-2022

Pantani in pista

Visto 6.376 volte

5

Musica

24-11-2022

Flaviada con Paolo Conte

Visto 3.360 volte

6

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 2.137 volte

7

Lavoro

21-11-2022

E i salari?

Visto 203 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.115 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.389 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.124 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.564 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.533 volte

6

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.422 volte

7

Attualità

29-10-2022

O mia cara finestra

Visto 7.393 volte

8

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.354 volte

9

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.279 volte

10

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.073 volte