Pubblicità

Pubblicato il 06-06-2021 19:46
in Calcio | Visto 2.432 volte

Finale da delirio!

E' la settimana ideale per gli amanti dei thriller. Il Bassano batte e raggiunge in classifica l'Arcella e si giocherà le sue chance di promozione nell'ultima di campionato in casa della prima. Sono cinque squadre in lotta per la vittoria finale.

Finale da delirio!

Guccione e una doppietta di Bounafaa stendono l'Arcella. Grande festa nella panchina giallorossa

Altro che lotta Champions con tre squadre coinvolte, nello specificio Milan, Napoli e Juventus. Per decidere chi vincerà il torneo e quindi verrà promossa in serie D bisognerà attendere gli ultimi 90' e le squadre coinvolte sono addirittura cinque: Valgatara, San Martino Speme (13 punti), Villanfranca Veronese (12), Bassano e Arcella (11). E' la settimana ideale per gli amanti dei thriller. Altro che lotta Champions con tre squadre coinvolte, nello specificio Milan, Napoli e Juventus. Per decidere chi vincerà il torneo e quindi verrà promossa in serie D bisognerà attendere gli ultimi 90' e le squadre coinvolte sono addirittura cinque: Valgatara, San Martino Speme (13 punti), Villanfranca Veronese (12), Bassano e Arcella (11). Un record. E non è finita. Nell'ultima giornata quattro di queste squadre si sfideranno tra di loro (!!!). Il nostro Bassano giocherà in trasferta a San Martino Buon Albergo mentre l'Arcella ospiterà il Valgatara. Forse se la passa leggermente meglio il Villafranca che giocherà in casa della grande favorita alla vigilia del campionato il Vigasio, evidentemente però le motivazioni non possono essere le stesse anche se si tratta di un derby. 
Insomma il Bassano risorge quando i più, noi compresi, lo davano per spacciato. In effetti i punti persi all'inizio adesso pesano come macigni però è vero che i giallorossi sono arrivati all'ultima giornata in corsa per vincere. Ossia hanno compiuto appieno al loro compito. Poi vincere è una questione di dettagli, spesso anche di fortuna sottoforma di quel carellario di episodi che hanno caratterizzato la storia del calcio. Già adesso si può dire che tutte le componenti hanno comunque dimostrato parecchio. Perchè un conto è partire bene e gestire al meglio la situazione. Un altro è partire male e riuscire fare quadrato e riemergere come hanno fatto con merito i ragazzi di Maino, in primis lo stesso allenatore nonché dalla dirigenza e dal presidente Campagnolo. 

LA PARTITA. Per non lasciare nulla di intentato Checco Maino schiera l'undici con cui ha trovato la quadratura del cerchio, specie dalla cintola in su. Quindi Segantini in porta; Gheno, Pellizzer, Equizi e Rossi in difesa; a centrocampo il trio Carraro, Xamin e Peotta; tridente offensivo composto da Bounafaa, Guccione e Tescaro.Il match vale tanto. Quantomeno per l'orgoglio di un team che sta ritrovando il piacere di scendere in campo dopo essersi trovato schiacciato da rullo con due pareggi e due sconfitte nelle prime quattro partite. Il Bassano lotta su ogni pallone, su ogni seconda palla. Non crea tanto, non rischia nulla. Eppoi segna al quarto d'ora un gol bellissimo. Rossi scodella un traversone al bacio, Guccione anticipa il difensore e spedisce la sfera nell'angolo lontano. I giallorossi potrebbero pure raddoppiare immediatamente due volte con Bounafaa. Prima viene lanciato in contropiede uno contro uno ma non salta il diretto marcatore, poi non arriva su uno splendido gol del solito Rossi.

La gara è aperta, Segantini vede sfilare la palla a fil di palo come a ricordare a tutti che l'uno a zero non è un risultato particolarmente tranquillizzante. Ad inizio ripresa errore clamoroso di Bounafaa che non riesce a capitalizzare un assist favoloso di Guccione. Non c'è nemmeno il tempo di disperarsi che l'attaccante esterno si fa abbondantemente perdonare, al 7', mettendosi in proprio e siglando una rete spettacolare con un gran sinistro sul secondo palo. Giallorossi ad un passo dal 3 a 0 al 13', addirittura capitan Pellizzer viene lanciato a tu per tu col portiere e viene fregato un pó dalla stanchezza e un pó  dalla disabitudine alla situazione. La partita può finire in archivio invece è l'Arcella riapre la partita al 15' sugli sviluppi di una palla inattiva. Tutto sembra complicarsi dannatamente. Gli ospiti, che con tre punti si isserebbero in vetta alla classifica,  annusato l'impresa, i padroni di casa la beffa. Ed invece è ancora Ayoub Bounafaa a far saltare il banco. Ancora una fuga sulla destra, altra giocata d'alta scuola per presentarsi centralmente in zona tiro e timbrare il 3 a 1 a prendersi definitivamente la palma del migliore in campo. 

    Pubblicità

    Mostra

    Più visti