Marco Polo
bassanonet.it
Pubblicato il 03-02-2019 16:34
in Calcio | Visto 664 volte
 

Pareggio nel big match

Il Bassano fermato sul pari a Sandrigo. Pareggio giusto per una gara condizionata anche dal terreno pesante

Pareggio nel big match

La settimana cruciale del Bassano si chiude con un buon punto in casa della seconda in classifica

Non ci sono state grandi emozioni al comunale di Sandrigo. I giallorossi non approfittano della possibilità di dare una mazzata semi definitiva ad un campionato nel quale preservano comunque un considerevole vantaggio. La classifica non subisce comunque variazioni significative con la formazione di Bassano del Grappa che continua ad avere un buon vantaggio sulle inseguitrici.

La formazione. Rispetto alla gara in coppa il tecnico giallorosso recupera pezzi sia a centrocampo che in attacco. Scaranto va in porta, solita linea difensiva con Benetti, Bongauro, Frasson e Frangu; a centrocampo Ceccato, Frachesen e Torresan; in attacco Bertollo con Savio e Battistella.

La partita. Ovviamente per l’Azzurra Sandrigo c’è un solo risultato a diposizione per provare ad alimentare il sogno di dare il filo da torcere al FCB fino alla fine. Non stupisce pertanto che la partenza dei padroni di casa sia più veemente. Si lotta in ogni angolo del campo senza che gli estremi difensori siano particolarmente impegnati almeno fino al primo tentativo bassanese che chiama il portiere del Sandrigo ad esibirsi in una grande parata. Col passare dei minuti la squadra di Maino si fa più convincente, Savio e Torresan si rendono molto pericolosi ma la palla non entra nel sacco. La partita si fa più un po’ più aperta nella ripresa quando a ergersi protagonista è Scaranto, molto attento a neutralizzare i tentativi dei padroni di casa. Il Bassano ci prova un paio di volte con Savio e il neo entrato Garbuio ma senza successo. La formazione giallorossa dà l’idea di essere un po’ meno brillante a livello fisico, forse anche per le fatiche di coppa, ed infatti è molto più pericoloso il Sandrigo con Maita e soprattutto nel finale con Gheno.