Marco Polo
bassanonet.it
Pubblicato il 20-12-2018 07:46
in Calcio | Visto 667 volte
 

Un attacco esplosivo

Con il tesseramento di Solomon il FC Bassano ha allestito un reparto fuori categoria. Giacometti alza la guardia: “Occhio perché il girone di ritorno sarà molto più duro”

 Un attacco esplosivo

Nicolò Garbuio festeggia le due reti siglate in giallorosso (foto FCB)

Il Bassano Calcio chiude il girone d’andata con un lusinghiero +7 in classifica rispetto agli inseguitori. Un risultato storico, persino troppo clamoroso rispetto alle non poche difficoltà che la truppa di Maino ha dovuto affrontare: dal problema del gol, ai tanti infortunati, all’amalgama da trovare per un gruppo totalmente nuovo. Quelle lunghe settimane problematiche, perlopiù in trasferta visto che al Mercante sono piovuti solo reti e vittorie, non sono state cancellate dalla memoria perché hanno solcato cicatrici profonde viste le aspettative che c’erano sulla squadra e anche per mantenere stimoli e concentrazione particolarmente alti. Come a chi scrive, anche al tecnico giallorosso prima della partita contro il Salvatronda ha ripensato al brutto momento di Riese e non ha perso tempo a ricordare ai suoi l’umiliazione e gli sfottò subiti in quella trasferta. Perché se c’è una cosa sicura è che Francesco Maino non si sente già il campionato in tasca quando c’è da giocare tutto un girone di ritorno, una Coppa Veneto da provare a vincere e una squadra giovane da far crescere anche in ottica futura. Della stessa opinione il ds Giacometti: “Il girone di ritorno può riservare sorprese perché i punti si fanno più pesanti e tutte le squadre lotteranno con ancora più foga ed intensità, Certo, un +7 del genere è una bella mazzata alla velleità delle altre pretendenti alla Promozione ma la strada da percorrere è ancora lunga”. In attesa del rientro degli importanti lungodegenti Frachesen, Meneghetti e Cosma, è arrivato il via libera al tesseramento di Solomon. Lo sgusciante attaccante originario dell’Angola ha avuto il tempo di ambientarsi nella nuova realtà ed è sicuramente un’arma molto importante da utilizzare nelle due competizioni in cui è impegnato il FCB. Ancora il dirigente: “Un attacco composto da Garbuio, Battistella, Savio, Solomon e Cosma non c’entra nulla con la Prima Categoria. Questi sono giocatori che con la testa giusta possono spaccare le partite”. Oltre agli innesti Cristian Giacometti ha dovuto pensare anche allo sfoltimento della rosa. Lasciano il Bassano nella pausa invernale per cercare una sistemazione che garantisca loro maggiore minutaggio Nicolò Manfrè, Elia Mion, Cristian Nacci, Lorenzo Sartor e Ilario Ziliotto.