Marco Polo
bassanonet.it
Pubblicato il 25-11-2018 18:27
in Calcio | Visto 392 volte
 

Bassano, se non soffri non vale

I giallorossi non vanno oltre l’1 a 1 in casa del Carmenta nonostante oltre un’ora di dominio. Bene per carattere e padronanza del campo, poca forza nel chiudere le azioni. Autogol di Battistella, pareggia Frangu

Bassano, se non soffri non vale

Con il punto di Carmignano il Bassano mantiene il primo posto in classifica

La premessa è d’obbligo. Il Carmenta che tanto bene aveva impressionato in Coppa al Mercante è parso decisamente più abbordabile in casa sua. Ma non tanto per la minor bravura della squadra di Carmignano quanto per la prova di forza di un Bassano che ha chiuso l’avversario per tantissimi minuti nella sua metà campo. FCB padrone del campo ma non padrone dell’area di rigore rossoblù. Troppo pochi i tentativi da lontano, soluzione da preferire in un campo reso viscido dalla pioggia e troppi cincischiamenti al limite dell’area dei padroni di casa.
Maino schiera Scaranto in porta, difesa quattro con Benetti, Bonaguro, Frasson e Frangu; a centrocampo rientra Xamin con Comarin e Ceccato; tridente offensivo composto da Maistrello, Battistella e Savio.
Un bel contropiede con Savio anticipato al momento del tiro e un colpo di testa di Battistella a sfiorare l'incrocio dei pali sono il succo dei primi 25 minuti giocati a mille all'ora. I giallorossi schiacciano la seconda in classifica giocando un calcio aggressivo ed efficace. Poi un po' alla volta la luce diventa più fioca e la piogerellina di Carmignano spinge le velleità dei padroni di casa, pericolosi in un'occasione direttamente da calcio d'angolo. Ma si tratta solo di una decina di minuti sui 90 totali. Al 40’ Xamin libera il destro mentre i compagni continuano ad inseguire troppo gli scambi al limite dell'area che immancabilmente naufragano sulla rocciosa difesa rossoblu.
La ripresa è caratterizzata dall'ingresso immediato di Scanagatta e una pressione totale del FCB che spreme il Carmenta come un limone. Solo che non arriva non solo un gol ma nemmeno un'occasione da rete. Una pressione totale ma totalmente sterile. Battistella, decisivo così tante volte, ha le polveri bagnate, Savio e Maistrello non riescono a calciare, così come le mezzali nonostante l’intraprendenza di Ceccato. E così, nel più classico dei film già visti, arriva la beffa atroce. Capita che i padroni di casa al primo contropiede della ripresa vengano fermati solo da un intervento prodigioso di Scaranto vanificato dal vantaggio rossoblù arrivato subito grazie ad un autogol di Battistella sugli sviluppi di una palla inattiva determinata da una leggerezza di Frangu. Il Bassano a quel punto è bravo a non mollare. Rimane in piedi, anche grazie alla determinazione di un Bonaguro in versione tuttofare, e al 40’ arriva almeno il pareggio con Frangu che si fa trovare pronto su un corner di Xamin.

    Più visti