ELEZIONI
Marco Polo
bassanonet.it
Pubblicato il 14-11-2018 22:36
in Calcio | Visto 503 volte
 

Vola Bassano vola

Alla faccia dell’emergenza altra grande soddisfazione in Coppa Veneto per il Bassano. I giallorossi il turno dopo una gara vibrante, combattuta, sofferta e alla fine dolcissima. Frangu e super Battistella recuperano il vantaggio del Carmenta

Vola Bassano vola

Il saluto tra squadra e pubblico a fine partita

Francesco Maino per la sfida ad eliminazione diretta contro il Carmenta deve fare i conti con una lista di assenze incredibile tanto che in panchina siedono anche tre infortunati: Frachesen, Cosma e Bertollo. Il tecnico giallorosso opta per il 4-3-3 con Xamin in cabina di regia scortato da Ceccato e Comarin. In attacco tocca a Torresan completare il tridente con Battistella e Maistrello. In porta va Pozzan, l’eroe di Fontaniva, in difesa Benetti, Bonaguro, Gaborin e Frangu.
La formazione di Bassano del Grappa pur con tutte le assenze del caso parte con il piede sull’acceleratore. Grinta e velocità si scontrano contro il muro del Carmenta e quando si apre lo spiraglio giusto è il palo a fermare il tiro di Battistella. La partita è davvero molto piacevole, il pubblico è infreddolito da un venticello tagliente ma molto coinvolto con il presidentissimo Campagnolo seduto in prima linea. Al 15’ il Carmignano supera la metà campo forse per la prima volta, ottiene un corner sul quale Pozzan sfarfalla e Peruzzi ne approfitta per freddare i padroni di casa. La doccia è freddissima anche perché l’incontenibile Zaniolo in contropiede colpisce addirittura un palo. Il FCB non sta a guardare e, schiaccia ancora il Carmenta nella sua metà campo ma non riesce a trovare il meritato pareggio. Almeno fino al 43’ quando Frangu direttamente da calcio piazzato, con la complicità del portiere, infila l’1 a 1. La ripresa è tutta da giocare, tutta da vivere sull’orlo dell’equilibrio, senza un attimo di sosta o di respiro. I giallorossi creano almeno tre buone occasioni, il portiere ospite si salva sul tiro di Frangu e sul destro di Battistella sul quale nessuno è pronto al tap in. Maino si sgola, si sbraccia, spinge i suoi che in effetti giocano con il coltello tra i denti. E al 32’ sono premiati quando Scanagatta innesca l’azione personale, personalissima, di Battistella. Il centravanti sfida in velocità sulla sinistra il marcatore diretto, lo lascia sistematicamente sul posto e al secondo tentativo in diagonale fa esplodere il Mercante. I cinque minuti di recupero sono di apnea pura, specie nel calcio di punizione dal limite concesso al Carmenta dal direttore di gara.