ELEZIONI
Marco Polo
bassanonet.it
Pubblicato il 18-10-2018 21:20
in Calcio | Visto 869 volte
 

Il futuro è nel Settore Giovanile

I vertici del Bassano Calcio stanno lavorando per completare il progetto calcistico bassanese che non può prescindere dal vivaio. Molto serie le società locali coinvolte

Il futuro è nel Settore Giovanile

Fonte FC Bassano 1903

Non solo prima squadra. Già da settimane, l’ Fc Bassano 1903 è al lavoro per progettare il futuro. Quel futuro che non può certo prescindere dalla creazione di un settore giovanile di qualità, che i giallorossi intendono avviare già dalla prossima stagione sportiva. Così, mantenendo fede al proprio motto fondante “La mia città la mia squadra”, i vertici del sodalizio di via Piave hanno dato vita ad un progetto che intende raccogliere sotto un’unica bandiera i migliori prospetti della città. L’idea è quella di coinvolgere in modo diretto tutte le 7 società calcistiche bassanesi oggi in possesso di un settore giovanile (Asd San Vito, Asd Sant’Eusebio, Team Ca’ Ba Marchesane, Gruppo Sportivo Ca’ Baroncello, Asd San Lazzaro Santa Croce, Asd Santa Croce Calcio, Us Angarano 1949), che dalla prossima stagione potrebbero giocare con un doppio stemma sulla maglia: quello della società d’appartenenza e quello del Bassano 1903, dando così vita ad un sorta di enorme “cantera” cittadina dalla quale far emergere i prospetti migliori e portarli a vestire la maglia giallorossa, oggi nel settore giovanile, domani in prima squadra.
“Collaborazione” la parola d’ordine del progetto che ieri sera ha visto la sua prima
tappa con l’incontro tra i vertici del Bassano 1903, rappresentati nell’occasione
dal presidente Fabio Campagnolo e dal vice presidente Ermanno Hinterwipflinger,
che assieme al segretario Lino Fioravanzo e a Federico Guarnier, di occuperanno
proprio del settore giovanile, e i presidenti delle 7 società calcistiche bassanesi.
Con loro, a suggellare quello che è stato definito un “momento storico” per lo
sport cittadino era presente anche l’assessore Oscar Mazzocchin che si è detto felice di poter battezzare un’idea a suo dire “quasi rivoluzionaria”.
Prossima tappa del progetto, la sottoscrizione di un accordo pluriennale tra le so-
cietà che permetterà di trasformare in realtà concreta il motto giallorosso “la mia
città la mia squadra".