Radici Future 2030
Radici Future 2030

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Attualità

Un’Italia da bollino nero

Ieri sera al Castello degli Ezzelini Operaestate ha portato sul palco un inedito racconto NoStrano

Pubblicato il 08-08-2009
Visto 2.353 volte

Radici Future 2030

Non si è esitato purtroppo a riconoscere questa nuova Italia da bollino nero in “L’Italia s’è desta”, catalogo NoStrano sfogliato in capitoli da Ottavia Piccolo e Luisa Cattaneo ieri sera al Castello degli Ezzelini. Non hanno stupito più di tanto la descrizione del panorama da cash&carry del territorio veneto, né la storia della rapina kamikaze dell’ultrasettantenne genovese, un uomo d’altri tempi e quindi di un’altra Italia con una pensione da fame che aveva tirato fuori il vestito del matrimonio dalla naftalina per andare a chiedere un mutuo in banca ed era stato allontanato con la scusa che non era poi proprio “uno di loro”, come recitava lo slogan dell’Istituto di credito a 5 stelle. Non hanno destato una grande meraviglia la storia della piccola biondina dell’Est data in pasto ai piraňa dal proprietario di un circo esotico, così, tanto per fare audience; né le vicende del Dottor Morte, un imprenditore della regione padana che “guardata dall’alto sembra una gigantesca fetta di prosciutto” dove la fortuna dell’economia è costruita sull’ammazzare, a turno, vitelli, polli, maiali, e qualche ignaro pakistano imbrigliatosi per sbaglio sul nastro trasportatore del macello. Forse una punta di stupore ha fatto fremere gli animi quando sono stati snocciolati con una sequela da TG i danni provocati dal massimo polo siderurgico europeo a Taranto, una città che la storia ci ha consegnato come un gioiello d’arte e cultura e si vede restituita con un fiotto di veleno, una verità dura come l’acciaio. Le storie raccolte e appuntate nel corso degli anni da Stefano Massini e restituite in versione teatrale in questo spettacolo, rappresentano in negativo, come dice l’autore, “L’alba del Terzo millennio”. I flauti di Andrea Portera, sul palco tra le due attrici, quasi dei jingles d’intervallo nel notiziario, hanno cercato di riannodare i fili di storie senza musica, stonate, che dovrebbero indignare oltre ogni limite, non provocare tiepidi applausi ma balzi sulle sedie. Resta la speranza che “L’Italia si desti”.

Ottavia Piccolo, Andrea Portera e Luisa Cattaneo

Più visti

1

Attualità

30-09-2022

A.RI.A di casa

Visto 7.447 volte

2

Politica

29-09-2022

Bella Ciao

Visto 7.370 volte

3

Politica

26-09-2022

Giorgia on my mind

Visto 6.927 volte

4

Attualità

28-09-2022

Siamo Agri

Visto 6.856 volte

5

Politica

28-09-2022

I Grandi Fratelli

Visto 6.661 volte

6

Attualità

28-09-2022

Canova Caput Mundi

Visto 6.385 volte

7

Attualità

28-09-2022

Lo zio di Darwin

Visto 6.382 volte

8

Attualità

28-09-2022

Parco RAASM, oasi e strumento del “fare impresa”

Visto 6.172 volte

9

Politica

29-09-2022

A onor del Viero

Visto 6.123 volte

10

Attualità

28-09-2022

Collezione Harmony

Visto 6.084 volte

1

Politica

07-09-2022

L’Architetto del Grillo

Visto 15.316 volte

2

Politica

05-09-2022

Marinmoto

Visto 11.034 volte

3

Attualità

14-09-2022

Herr Bifrangi

Visto 8.447 volte

4

Politica

19-09-2022

Capitano Coraggioso

Visto 8.145 volte

5

Politica

07-09-2022

Astenersi perditempo

Visto 7.650 volte

6

Politica

06-09-2022

Voci sul vice

Visto 7.621 volte

7

Politica

11-09-2022

Angelo, Maria e Bepi

Visto 7.534 volte

8

Politica

09-09-2022

Niente a post

Visto 7.500 volte

9

Attualità

30-09-2022

A.RI.A di casa

Visto 7.447 volte

10

Politica

29-09-2022

Bella Ciao

Visto 7.370 volte