Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Luigi MarcadellaLuigi Marcadella
Giornalista
Bassanonet.it

Politica

L’ultimo tango

La senatrice bassanese Barbara Guidolin (M5S) commenta gli ultimi caldissimi giorni della legislatura

Pubblicato il 21-07-2022
Visto 5.879 volte

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Rimane il tempo per un ultimo tango da ballare a palazzo per i parlamentari della XVIII legislatura. Tra due mesi la geografia del potere e dei numeri di Camera e Senato cambierà radicalmente. Sulla testa della prossima assemblea calerà la mannaia della riforma numerica, da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori.
Per molti di loro, in tutti i partiti, saranno i giorni amari dell’addio. Barbara Guidolin, senatrice bassanese dei 5 Stelle, rimasta grillina a “34 carati” anche in queste settimane di migrazioni dal Movimento verso il partito di Di Maio (ma non solo), ha vissuto vicino all’ex premier Giuseppe Conte i giorni della caduta del governo Draghi.
«L’ho visto lucido e consapevole di aver fatto il possibile. Nel Movimento c’era aria di serenità».

Barbara Guidolin (M5S)


Senatrice, domanda d’obbligo in questo finale caotico. E’ ancora del M5S?
«(risata dall’altra parte del telefono…) Sì, sì. Si fatica a star dietro a tutti questi cambi, ma io sono ancora orgogliosamente del Movimento 5 Stelle».

Dopo il liberi tutti fate ancora riunioni fiume?
«Sono ancora a Roma, domani rientro».

Alla fine non vi siete fatti mancare nemmeno un governo per il disbrigo degli affari correnti. Ne è passata di acqua dai tempi del Parlamento aperto come una scatoletta di tonno. Il momento più iconico di questa settimana di crisi vista da dentro il Movimento?
«Direi sicuramente la replica di Draghi: poche parole, poche righe, che mi resteranno impresse nella mente. Parole chiarificatrici, volevano farci fuori dal Governo. Alla fine Draghi è stato fatto fuori da Lega e Forza Italia».

Un aiutino glielo avete dato anche voi. In soldoni: siete contenti di aver fatto cadere il governo Draghi?
«Non era il nostro obiettivo. Noi volevano riportare l’agenda Draghi a ragionare su alcuni provvedimenti. Draghi si è fatto cadere da solo. La prima volta, nonostante un voto di fiducia, è andato comunque da Mattarella. Al secondo tentativo son venuti fuori gli altarini».

Il motivo semplice semplice spiegato ai bassanesi che hanno votato 5 Stelle?
«Il centrodestra in un momento delicato ha fatto ostruzionismo e ha voluto cacciarci dalla maggioranza. Noi con Giuseppe Conte abbiamo portato l’attenzione su 9 punti sostanziali, dalle cartelle esattoriali fino agli aiuti alle imprese. E comunque la situazione era diventata insostenibile. E poi diciamolo: nemmeno sul PNRR si erano raggiunti tutti gli obiettivi a giugno. Penso alla legge delega sull’assistenza agli anziani».

Dica la verità, Draghi non le piace…
«Riconosco l’autorevolezza, era un tentativo per mettere tutti d’accordo. Draghi sarà un bravissimo banchiere ma non mastica molta politica. Durante la crisi ha fatto un sacco di errori».

Sembrava tanto una ripicca di Conte verso Draghi. No?
«Assolutamente no. Abbiamo fatto due settimane di riunioni continue con senatori e deputati. Ha fatto sintesi con i gruppi parlamentari. Conte non si è mosso da solo. E poi i nostri gruppi parlamentari da tempo erano stanchi…».

Dello spread, PNRR, scadenze di bilancio varie, cosa diciamo?
«Ho chiara la situazione a livello di scadenze e leggi di bilancio. Anche il Covid è ancora un problema. Non era il momento di far cadere il Governo, ma noi 5 Stelle non ci riteniamo responsabili».

Il prossimo Parlamento sarà molto più light. Cosa dice e cosa teme la pattuglia parlamentare grillina?
«Ci guardiamo tra di noi… e sappiamo che su 3 parlamentari, 2 non torneranno. Viene la malinconia, dopo cinque anni assieme. Tra l’altro il taglio dei parlamentari è una nostra battaglia. C’è chi tornerà a fare il suo lavoro, non è un problema».

Cosa si immagina nel suo di futuro?
«Voglio essere molto sincera, ci tengo molto ad essere rieletta. Voglio continuare a portare la voce del settore socio-sanitario in Parlamento. Ci sono tanti problemi da risolvere e voglio continuare a seguire le novità del PNRR su questo tema».

Più visti

1

Politica

09-04-2024

Carraro in carriera

Visto 10.758 volte

2

Politica

12-04-2024

Cavallin Marin

Visto 10.406 volte

3

Politica

09-04-2024

Centro(destra) giovanile

Visto 10.364 volte

4

Attualità

10-04-2024

Calci di rigore

Visto 9.886 volte

5

Politica

11-04-2024

Old Wild Finco

Visto 9.691 volte

6

Attualità

11-04-2024

Pavan for President

Visto 9.684 volte

7

Attualità

09-04-2024

Reportich

Visto 9.391 volte

8

Politica

12-04-2024

Silvia e i suoi Fratelli

Visto 9.185 volte

9

Attualità

11-04-2024

W le Women

Visto 9.129 volte

10

Politica

12-04-2024

Vivi e vota Vivere

Visto 8.795 volte

1

Politica

18-03-2024

Coalizione da Tiffany

Visto 19.918 volte

2

Attualità

19-03-2024

L’Asparagruppo

Visto 15.155 volte

3

Politica

06-04-2024

Teatro Verdi

Visto 13.759 volte

4

Politica

22-03-2024

Cuando Calenda el sol

Visto 13.648 volte

5

Politica

05-04-2024

Mazzocco in campagna

Visto 12.718 volte

6

Politica

21-03-2024

Tavoli amari

Visto 12.447 volte

7

Cronaca

20-03-2024

I Pfas di casa nostra

Visto 12.197 volte

8

Attualità

08-04-2024

La Terra è rotonda

Visto 12.126 volte

9

Politica

25-03-2024

Io Capitano

Visto 11.315 volte

10

Attualità

27-03-2024

Dove sito?

Visto 11.256 volte