Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 04-05-2012 15:34
in Politica | Visto 2.462 volte

Rosà: dichiarazione di Paolo Bordignon prima del voto

L'intervento conclusivo del candidato sindaco di “Continuità e Rinnovamento” nell'ultimo giorno della campagna elettorale

Rosà: dichiarazione di Paolo Bordignon prima del voto

Il candidato sindaco di "Continuità e Rinnovamento" Paolo Bordignon

La lista “Continuità e Rinnovamento”, in corsa alle elezioni amministrative del 6 e 7 maggio a Rosà con candidato sindaco Paolo Bordignon, ha trasmesso in redazione il comunicato conclusivo della campagna elettorale, che riportiamo di seguito:

COMUNICATO

Si chiuderà in festa come da tradizione questa sera dalle ore 19.30 al parcheggio del Parco delle Rose in via Schallstadt, la campagna elettorale di Paolo Bordignon e della sua squadra di CONTINUITÀ E RINNOVAMENTO. Attesi tra gli altri il senatore Paolo Franco, e gli assessori regionali Ciambetti e Finozzi.
Tante settimane di lavoro, contatti, riunioni, saluti e strette di mano, parole ed ancora parole tutte con l’unico intento quello di raccogliere la fiducia degli elettori per continuare il lavoro all’interno dell’Amministrazione cittadina. Queste le ultime dichiarazioni di Paolo Bordignon:
 
“Domenica e lunedì siamo chiamati a votare il nuovo sindaco ed il componenti del Consiglio. Per un comune ed i suoi cittadini è un momento di grande importante perché le persone che andremo a scegliere con le loro scelte condizionano il vivere nostro di tutti i giorni: sociale, scuola, viabilità, ambiente, sport e spazi pubblici tutti mattoni fondamentali della nostra vita quotidiana e quella dei nostri cari. Dobbiamo scegliere per questo nella concretezza. Da dieci anni mi sono speso per la mia Rosà ed al fianco del sindaco Manuela Lanzarin ho dato il mio apporto con pazienza ed umiltà nel far crescere la Rosà di oggi. Abbiamo lavorato tanto cercando di ripagare al meglio la fiducia che di avete dato nel momento del voto.
Certo i lacci del bilancio soprattutto in questi ultimi anni si son fatti molto più stretti ed hanno condizionato il nostro operato, ma rispettando sempre anche nel 2011 il patto di stabilità che ci hanno imposto, siamo riusciti a mantenere molte delle promesse elettorali. Abbiamo dato a Rosà nuovi servizi ed infrastrutture, spazi per lo sport ben gestiti dalle nostre società, piste ciclabili che sono il nostro fiore all’occhiello, investimenti nell’ambiente che è bene prezioso e di tanti interventi nel sociale dagli aiuti alle scuole materne paritarie, agli anziani e famiglie dove sono stati tenuti ad esempio inalterate le rette e la qualità dei servizi.
Non lasciamoci abbagliare da facili promesse e smaglianti sorrisi. Noi rosatesi da buoni veneti siamo gente abituata alla concretezza dei fatti, siamo gente operosa e laboriosa da sempre capace di tirarsi su le maniche nei momenti di bisogno e difficoltà aiutandosi l’uno con l’altro. Siamo solidali ed aperti agli altri.
Abbiamo bene in mente il lavoro che ci spetta per il prossimo futuro, perché come Giunta lo abbiamo in parte programmato. Sappiamo quali sono le risposte da dare al nostro territorio e qui intendo soprattutto quelle della viabilità che è la prima sfida da vincere, le risposte al tessuto economico che vuole essere competitivo con poca burocrazia, le risposte all’ambiente che cercheremo di proteggere ancor di più e risposte alle famiglie che proseguiremo a dare come abbiamo fatto sino ad oggi.
Conosciamo la macchina amministrativa ed abbiamo dalla nostra un bene prezioso: l’esperienza maturata in questi anni.
Termino con un piccolo aneddoto. Io sono uomo di sport e come molti educatori so quanto è importante lo sport come palestra di vita per i nostri giovani che devono rispettare le regole dello spogliatoi e confrontarsi con gli altri con onestà e lealtà. Ricordo la felicità nell’aver ricevuto nel dicembre del 2010 a Bruxelles la bandiera di Città europea dello sport con le parole del presidente che definiva Rosà un’eccellenza nello sport per impianti e per il lavoro delle sue società.
Ora mi son sentito in questa campagna come un allenatore che si preparava alla prova con sacrificio e qualche nuova difficoltà ma sorretto da una spogliatoio forte e coeso, composto da vecchi giocatori che sanno dare il consiglio giusto ed altri esuberanti ma pieni di energia. Domenica e lunedì si gioca la nostra partita e mi presento con una squadra che ho scelto e voluto con un grande capitano come Manuela Lanzarin e con ottimi giocatori che sanno coprire bene tutto il campo. Sono sereno perché a questo appuntamento arrivo con il calore della gente che ho incontrato in queste settimane che ha capito il nostro modo di gioco, lo schema per vincere la partita del futuro. Sentiamo che le gente ci è vicina.
Chiediamo il voto per continuare con rinnovato entusiasmo il lavoro sin qui svolto. Ci presentiamo con buona amministrazione, esperienza e risposte concrete nei fatti.”

Paolo Bordignon

(Comunicato trasmesso dall'Ufficio Stampa di “Continuità e Rinnovamento”)
 

LIBERTÀ È PAROLA - “Alla scoperta degli “Amici dei Musei e dei Monumenti di Bassano del Grappa”.

In questa nuova puntata, incontriamo una realtà di Bassano che da anni si impegna per sostenere e supportare il nostro patrimonio #artistico,...

Più visti