Pubblicato il 11-03-2011 07:20
in Magazine | Visto 2.008 volte

VI.150anni.IT

Al Liceo Ginnasio Statale Pigafetta di Vicenza il 16 marzo una giornata dedicata alle celebrazioni dell’Unità d’Italia senza “Limiti e confini”

VI.150anni.IT

Una bella iniziativa promossa dagli Editori Laterza insieme a insegnanti, studenti, autori e amici della Casa editrice per le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Vale bene una gitarella a Vicenza, non di quelle che pensa qualcuno a polenta e salsicce (forse in questo caso baccalà), ma un'opportunità che si può cogliere solo a certe condizioni: ammesso che si abbia la voglia e l’umiltà di… tornare a scuola. Si tratta di un'occasione unica, anche per vincoli cronologici, il futuribile è poco nitido di questi tempi. Quella che avrà luogo a Vicenza al Liceo Ginnasio statale Antonio Pigafetta è un’iniziativa nazionale che invita alla partecipazione tutti e che promuove una discussione pubblica senza pregiudizi né stereotipi, oltre e fuori dalle sedi politiche e istituzionali. “La scuola è il luogo dove si è fatta l'Unità d'Italia. Anzi, dove si sono fatti gli italiani. È attraverso la scuola che milioni di sudditi degli antichi Stati sono divenuti cittadini, uscendo dall'analfabetismo e conquistando così la possibilità e il diritto di una piena partecipazione democratica. Ed è grazie alla scuola che gli italiani hanno imparato a parlare la stessa lingua, riconoscendo una comune identità”. Sono parole dell’editore Giuseppe Laterza, l’ideatore del progetto che promuove nelle scuole, e con le scuole, dal 15 al 17 marzo tre giornate di riflessione e di festa, di discussione e di condivisione. Il 16 marzo il Liceo vicentino, casello di un’autostrada ideale che attraversa l’Italia, la Bari Bologna Firenze Genova Milano Napoli Palermo Roma Torino Vicenza, aprirà le porte assieme alle scuole storiche delle altre città invitando a incontrare studenti e professori, proponendo lezioni magistrali, incontri con gli autori, seminari, workshop, concerti e mostre sui temi dell'Unità d’Italia. Il programma è consultabile qui www.italiaunitascuola.it/programma/vicenza/. Il Pigafetta ha alle spalle una tradizione culturale duecentenaria. L’elenco di quanti, usciti dalle sue aule, hanno lasciato impronta di sé nel mondo e nella cultura contemporanea va da Goffredo Parise a Renato Ghiotto, da Luigi Meneghello ad Antonio Giuriolo da Franco Fraccon a professori illustri come Mariano Rumor, Mario Dal Pra, Giuseppe Faggin e Franco Volpi e a Direttori famosi, il beato Antonio Farina e il poeta abate Giacomo Zanella. Entrare o tornare tra quelle mura anche solo per un giorno, anche solo per osservare e ascoltare con critica-mente, può forse servire forse a scordare il teatrino pietoso offerto dalla politica sulle celebrazioni, uno spettacolo imbarazzante, come ha detto Stefano Rodotà www.youtube.com/watch?v=BO0UcxHZl7o , che almeno ai ragazzi poteva anche essere risparmiato.

LIBERTA' E' PAROLA - AVANTI CON CORAGGIO

Cari #amici di Libertà è Parola, il momento che stiamo vivendo richiede responsabilità e noi stiamo facendo la nostra parte, anche se vorremmo...

Più visti