Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Teatro

La bellezza della pace

È andato in scena ieri sera, 8 agosto, al Teatro Remondini Il canto della caduta, di Marta Cuscunà

Pubblicato il 09-08-2019
Visto 1.132 volte

Pubblicità

Bassano è di piùBallottaggio

È andato in scena ieri sera, 8 agosto, al Teatro Remondini Il canto della caduta, di Marta Cuscunà.
Sul palco, ad attendere l’artista friulana, un’impalcatura metallica evocativa di vette e abissi dei Monti Pallidi sormontata da quattro inquietanti corvi meccanici; sotto a questi, uno schermo video sempre acceso e vitale e due personaggi-pupazzi dall’aspetto mite e impaurito, un po’ hikikomori, ispirati alle opere di street art di Herakut, a interpretare i superstiti del prestigioso popolo dei Fanes decaduto e sterminato, i due riparati nei cunicoli di una miniera.
Il racconto è affidato a loro, prima i corvi e di seguito i piccoli Fanes — a tutti dà voce e vita Marta Cuscunà; e poi allo schermo che si anima e scrive e diventa esso per primo narratore, ricordando in frasi colorate e spesso cariche di drammaticità l’evolversi dell’antica leggenda di Dolasilla. La principessa costretta a diventare guerriera dal re-padre, un uomo assetato di potere ora impietrito nel “Falza Rego”, e a causa dell’abdicazione della regina-madre, è figlia di un'età dell'oro in cui esseri umani e natura avevano un rapporto di alleanza che permetteva di vivere in pace, e la guida del popolo era compito femminile.

Marta Cuscunà in Il canto della caduta (fonte www.martacuscunà.it)

L’epopea è evocata in scena da animali, personaggi fantastici bambini e mezzi tecnologici, tutti strumenti che estromettono l’umano. I corvi sono animati da un sistema articolato di leve a cavo attraverso dei joystick meccanici manovrati dalle mani dell’attrice — progettazione elettronica e realizzazione animatronica sono state a cura di Paola Villani; nel buio, Cuscunà scende silenziosa sotto la montagna a far parlare i “pupi” terrorizzati dei piccoli Fanes: una prova impegnativa per corpo e voce da parte di questa maestra del teatro di figura e di parola contemporaneo, che dimostra di aver fatto suoi molti preziosi insegnamenti dei capolavori del teatro antico.
La commistione di linguaggi, a sottolineare l'ampio raggio di ricerca che circonda il lavoro, è funzionale al messaggio importante, immortale, espresso dall'opera, che parla fuori da ogni retorica della bellezza della pace.
Applausi calorosi, dal pubblico di Operaestate.

Press Edition New

Bassanonet.it Press Edition

Più visti

1

Elezioni 2024

10-06-2024

Mezzo e Mezzo

Visto 29.012 volte

2

Elezioni 2024

12-06-2024

Per chi suona la campagna

Visto 23.102 volte

3

Elezioni 2024

11-06-2024

Think Fink

Visto 19.035 volte

4

Elezioni 2024

11-06-2024

Sfracelli d’Italia

Visto 18.678 volte

5

Elezioni 2024

11-06-2024

And The Winner Is

Visto 16.122 volte

6

Elezioni 2024

11-06-2024

Parole in Comune

Visto 15.819 volte

7

Elezioni 2024

12-06-2024

Finco ululà e Campagnolo ululì

Visto 13.661 volte

8

Elezioni 2024

12-06-2024

Gli Scudocrucciati

Visto 13.007 volte

9

Elezioni 2024

13-06-2024

Finco la barca va

Visto 11.001 volte

10

Elezioni 2024

13-06-2024

Nicolajewka

Visto 10.759 volte

1

Elezioni 2024

02-06-2024

Tortelli d’Italia

Visto 45.381 volte

2

Elezioni 2024

23-05-2024

Guglielmix

Visto 32.776 volte

3

Elezioni 2024

31-05-2024

Promesso e non concesso

Visto 32.086 volte

4

Elezioni 2024

03-06-2024

Chiedo Asilo

Visto 29.991 volte

5

Elezioni 2024

10-06-2024

Mezzo e Mezzo

Visto 29.012 volte

6

Elezioni 2024

05-06-2024

Centrodestra Brenta

Visto 26.805 volte

7

Elezioni 2024

05-06-2024

O così o PD

Visto 24.612 volte

8

Elezioni 2024

29-05-2024

Long Playing

Visto 23.901 volte

9

Elezioni 2024

12-06-2024

Per chi suona la campagna

Visto 23.102 volte

10

Elezioni 2024

19-05-2024

Fincantieri

Visto 22.465 volte