Pubblicità

Radici FutureRadici Future
Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 31-03-2014 23:55
in Life & Style | Visto 7.964 volte

L'Asparago in Cantina

Il gusto della creatività: i nuovi modi di interpretare l'Asparago Bianco di Bassano Dop nella serata inaugurale della rassegna “Asparagi & Vespaiolo” alle Cantine Maculan di Breganze

L'Asparago in Cantina

Fausto Maculan si sottopone al "rituale" per l'ingresso nella Confraternita dell'Asparago Bianco di Bassano Dop (foto Alessandro Tich)

Il gusto e lo stile. Tanto di cappello (da cuoco, ovviamente) a Stefano Nardello, patron e chef del ristorante “Castello Superiore” di Marostica, che affiancato da alcuni colleghi del Gruppo Ristoratori Bassanesi ha predisposto un menù, per il gala inaugurale della rassegna enogastronomica “Asparagi & Vespaiolo”, di apprezzata e raffinata creatività.
Il tutto ospitato - nel nome del consolidato gemellaggio tra l'Asparago Bianco di Bassano Dop e i vini della Doc di Breganze, che contraddistingue la tradizionale rassegna - nella sala di rappresentanza delle Cantine Maculan di Breganze, in una serata conviviale che ha visto la partecipazione, oltre ad alcuni commensali giunti anche da fuori provincia, dei componenti della Confraternita dell'Asparago Bianco di Bassano Dop presieduta dal giornalista Giandomenico Cortese.
Fritti bassanesi dorati e catalana di asparagi e gamberi rossi per l'“aperitivo con golosità” e quindi a tavola una delicata entrée con gli Asparagi alla bassanese nella tradizione seguita da un'Insalata di asparagi, valeriana, marzolino con spuma di San Rocco, una Crema salata con asparago croccante (tra le più gradite proposte del menu) e tartufo nero fritto, da un Risotto con i nostri asparagi bianchi di Bassano e morchelle e da uno sbalorditivo Filetto di faraona ai due gamberi con spezzatino di asparagi prima del dessert con i Storti bassanesi dell'antica tradizione. Portate accompagnate, nell'ordine, dalle etichette Breganze Doc di Maculan: Bidibi Bianco Veneto, Vespaiolo, Pinot Nero, Palazzotto Cabernet Sauvignon e dulcis in fundo - è proprio il caso di dirlo - Torcolato.
Tradizione e innovazione sugli stessi piatti, a dimostrazione che dopo 34 anni la rassegna “principe” della ristorazione bassanese riesce ancora a sorprendere gli occhi, nella composizione dei piatti, e soprattutto il palato.
Una serata in occasione della quale la Confraternita dell'Asparago - presente, tra gli altri, anche la “consorella” Elena Donazzan, assessore regionale - ha annunciato anche l'ingresso di due nuovi “confratelli”: il padrone di casa nonché presidente dell'associazione “Strada del Torcolato” Fausto Maculan e il presidente di Confcommercio Bassano Luca Maria Chenet. Entrambi hanno letto la formula d'ingresso nel sodalizio gastronomico, come richiesto dalla prassi di rito, con la mano destra posata su un mazzo di Asparagi Dop bassanesi.
Dopo l'ouverture breganzese, la rassegna del Gruppo Ristoratori Bassanesi scalda adesso i motori - pardon, i fornelli - per il ciclo delle serate enogastronomiche nei ristoranti aderenti.
Si comincia venerdì 4 aprile con la serata “Da Gerry” a Monfumo, seguita dagli altri appuntamenti conviviali in calendario: “La Rosina” a Valle San Floriano di Marostica (11 aprile), “Al Pioppeto” a Sacro Cuore di Romano d'Ezzelino (12 aprile), “Villa Razzolini Loredan” ad Asolo (26 aprile); “Da Bauto” a Bassano del Grappa (29 aprile), “Castello Superiore” di Marostica (6 maggio), “Ca' Sette” a Bassano del Grappa (8 maggio), “Al Camin” a Cassola (16 maggio) e “Il Tinello” a Solagna (23 maggio) con gran finale in trasferta al “Rifugio Barricata” a Grigno (Tn) il 25 maggio per il pranzo di gemellaggio tra l'Asparago di Zambana e l'Asparago Dop di Bassano.
Gli altrettanto tradizionali “menù degustazione” sono invece proposti per tutto il periodo della rassegna da “Antica Osteria Pedrocchi” a Romano d'Ezzelino, “Al Sole” a Bassano, “Belvedere” a Bassano, “Dalla Mena” a Romano d'Ezzelino, “Al Ponte” a Bassano, “Da Ottone” a Bassano, “Melograno” a Valrovina, “Trevisani” a Bassano e “Alla Stazione” a Cassola.
E se il buongiorno si vede dalla sera - ovvero la prima serata dell'edizione 2014 a Breganze - sarà una rassegna che non deluderà le attese.

Pubblicità

Celebrazioni PonteOpera EstateMostra

Più visti