Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Stefania ZilioStefania Zilio
Contributor
Bassanonet.it

Scuola

Giorno della Memoria come spiegarlo agli studenti

Il 27 gennaio ricorre la Giornata della Memoria. Un appuntamento con la storia che abbiamo il dovere di rammentare. Ma basta il ricordo per non dimenticare?

Pubblicato il 25-01-2024
Visto 1.591 volte

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Per ricordare l’Olocausto ci serviamo di parole, siano queste state pronunciate dai sopravvissuti, oppure sentite da chi la storia ha cercato di ricostruirla. Le parole rendono trasmissibili la conoscenza e ci hanno restituito l’immagine dell’orrore dei campi di concentramento e la brutalità del nazismo.
Si resta senza fiato nell’osservare le foto dei resti di un campo di concentramento, degli oggetti accumulati nelle stanze dei lager, delle ciminiere ancora ritte, a richiamare i forni accesi, che producevano odori acri, per le carni bruciate. I buchi nei soffitti per le docce avvelenate e le baracche ancora disposte in fila come in fila stavano i deportati, davanti le guardie naziste, a ogni fine giornata.
Il verbo ricordare significa “avere presente nella memoria”. La prima domanda che ci poniamo riguarda questo. Siamo certi che il ricordo non sia relegato a un’emozione di un giorno? Provare dispiacere e sgomento per 24 ore, non è come aver impresso nella memoria ciò che è accaduto. Seppur si cerchi di trasmettere in ogni modo la paura, la ripugnanza, l’orrore della deportazione. E lo facciamo da ventiquattro anni, ogni 27 gennaio. Giorno scelto perché l’Armata Rossa liberò il campo di concentramento ad Auschwitz.

Negli anni della realtà simulata c’è chi scommette sull’intelligenza artificiale per creare immagini video basandosi sulle parole di diciannove reduci della Shoah. L’associazione israeliana si chiama Chasdei Naomi. Siamo una generazione bulimica di immagini e vogliamo vedere, poco ascoltare.
A che cosa serve ricordare?
Non si ricorda solo per commemorare milioni di persone uccise senza pietà. La Giornata della Memoria insegna a combattere le discriminazioni nei confronti di chi è diverso da noi. Chi avrebbe voluto dimenticare sono i sopravvissuti dell’Olocausto, costretti a testimoniare come si viveva e moriva in un campo di sterminio. Eppure, noi li abbiamo costretti a raccontarci le loro storie. Siamo forse stati spietati come gli aguzzini? Questa domanda la gireremo al professor Loris Giuriatti.
Il 26 gennaio ha avuto luogo una conferenza in streaming a partire dalle ore 10.00 per due ore circa, dal titolo “La cenere che diventa pietra” sul tema della Shoah.
Oltre un migliaio di studenti di diverse scuole medie e superiori di Bassano hanno accettato l’invito indetto dall’assessore all’istruzione Mariano Scotton. A tenere la conferenza è stato lo storico e professore Loris Giuriatti che abbiamo intervistato.

Professor Giuriatti, ricordare la Giornata della Memoria è un dovere umano, non solo un tempo piccolo da affibbiare sul calendario. Come si racconta agli studenti l’Olocausto?
È la stessa domanda che mi sono posto. Non è facile, però penso che il modo migliore sia partire da quello che c’è stato prima dell’Olocausto. La storia nella storia parte in una villa sulla sponda del lago di Wannsee, a pochi chilometri da Berlino, una bellissima località turistica molto frequentata dai berlinesi in estate. In gran segreto si riuniscono i personaggi di spicco del partito nazista. L’ordine del giorno era “Il problema ebraico e la sua definitiva soluzione, la soluzione finale”. Questo non è l’inizio, bensì il proseguo di una serie di eventi accaduti negli anni precedenti, che cambieranno il volto della Germania e del mondo intero. I ragazzi devono comprendere le condizioni storiche di quel periodo, non solo i fatti in sé.

Secondo lei, che cosa è importante venga impresso nella memoria dei ragazzi?
Capire che l’Olocausto non è successo a causa di una persona, ma per una miriade di persone che hanno accettato e condiviso il pensiero proposto da Hitler. Dopo la liberazione di Auschwitz i russi hanno costretto gli abitanti dei villaggi vicini ad attraversare i campi di concentramento. Non era possibile che non avessero notato nulla, odorato nulla. Questo ci fa capire quanto l’indifferenza abbia contribuito all’orrore subito dai deportati. L’obbligo che abbiamo è di portarli a non fare “spallucce” di fronte a ogni violenza.

Discriminazioni e diversità sono temi caldi che non cennano a raffreddarsi. È di domenica 21 gennaio la notizia che vede coinvolto il portiere del Milan, Mike Maignan, vittima di cori razzisti sul campo da calcio di Udine. Sono argomenti che trattate in classe?
Quello che ha fatto il portiere è stato un atto coraggioso, è uscito dal campo e ha creato il caso. Non è cosa da tutti. Non ha accettato e ha smosso le coscienze. Ne parliamo in classe, certo.

Torniamo alla prima domanda. Costringere i sopravvissuti a ricordare ci ha resi altrettanto aguzzini?
Questa domanda è davvero molto difficile. Mi auguro di no. Ci sono sopravvissute che hanno raccontato la loro storia molto tempo dopo l’accaduto, questo la dice lunga. Quando si chiedeva loro una spiegazione rispondevano che facevano ancora fatica a parlare. Si sentivano minacciate dai negazionisti, dai neonazisti, da quelle persone che conoscono male la storia. Sto lavorando sulla strage di Bologna e il paradosso è che chi l’ha vissuta, dice proprio che chi ha commesso il reato è stato meno maltrattato di chi l’ha subito. Quello che volevano fare era dimenticare. Invece la stampa, i processi continuavano a chiedere di ricordare. E questo è uno smacco.

Grazie, le auguriamo un buon lavoro.
Chiudiamo con un estratto di una sopravvissuta a questo dramma, Edith Bruck
“Noi sopravvissuti alla Shoah siamo inchiodati: vorremmo liberarci dal peso insopportabile di ciò che è stato e invece siamo costretti a riviverlo ogni volta. Delegati a testimoniare da chi avrebbe avuto il dovere di evitarcelo: quest’Europa che cancella i suoi sensi di colpa per lo sterminio degli ebrei non parlandone, e scaricando su noi vittime le responsabilità e il dolore della memoria. Una vera follia”.

    Più visti

    1

    Attualità

    25-02-2024

    The Sound of Silence

    Visto 9.994 volte

    2

    Attualità

    25-02-2024

    Robe di Tappa

    Visto 9.920 volte

    3

    Attualità

    24-02-2024

    Un anno di Fulvio

    Visto 9.842 volte

    4

    Attualità

    23-02-2024

    Facciamo sul Serio

    Visto 9.817 volte

    5

    Cronaca

    26-02-2024

    Centro Schei

    Visto 9.785 volte

    6

    Politica

    24-02-2024

    I Vernillez

    Visto 9.683 volte

    7

    Attualità

    26-02-2024

    Eau de Toilette

    Visto 9.463 volte

    8

    Politica

    23-02-2024

    Lista cinica

    Visto 9.368 volte

    9

    Politica

    27-02-2024

    Marinweek

    Visto 9.273 volte

    10

    Attualità

    26-02-2024

    DG La7

    Visto 9.194 volte

    1

    Politica

    20-02-2024

    Sant’Elena

    Visto 20.682 volte

    2

    Politica

    10-02-2024

    Il grande momento

    Visto 13.623 volte

    3

    Attualità

    03-02-2024

    Da Bassano con Furore

    Visto 12.869 volte

    4

    Attualità

    06-02-2024

    Piani Baxi

    Visto 11.677 volte

    5

    Politica

    03-02-2024

    Campagnolo elettorale

    Visto 11.518 volte

    6

    Politica

    04-02-2024

    Giunta comunale

    Visto 11.411 volte

    7

    Attualità

    07-02-2024

    Sarò lapidario

    Visto 11.349 volte

    8

    Attualità

    04-02-2024

    Vota Antonio, Vota Antonio bis

    Visto 11.119 volte

    9

    Politica

    18-02-2024

    A Brunei

    Visto 10.915 volte

    10

    Attualità

    02-02-2024

    Il sig. Francesco

    Visto 10.853 volte