Pubblicato il 23-12-2014 02:01
in Calcio | Visto 1.741 volte

Bassano, è l'ora delle scelte

Giallorossi guidano a sorpresa e da solitari la Lega Pro. Ma se si vuole provare a resistere con le migliori, tre acquisti a gennaio sono imprescindibili

Bassano, è l'ora delle scelte

Bassano irresistibile chiude un 2014 di magie (FOTO ROBERTO BOSCA)

Poi ci sono quelli, di solito una manica di faciloni un tanto al chilo che straparlano al bar e danno il meglio al quarto spritz con l'oliva. Quelli hanno già battezzato Bassano in B, perchè Asta farà come Petrone, si è stravinto in C2, vuoi non farlo anche in C unica che a Natale ci sei arrivato pure con gli stessi punti, 35, del passato Natale. Invece non è uguale, perchè dodici mesi fa in C1 ci salivano in 8 e in B al contrario ci approda solamente la prima e i playoff ristretti saranno peggio di una sanguinosa tonnara.
E allora? Allora quest'anno è un'altra vita, maledettamente e fottutamente più difficile ed è il momento di decidere: scegliere cioè se sigillare il discorso salvezza per il quale l'organico attuale è più che sufficiente, fermo restando che il traguardo sarebbe comunque di eccellente portata per una matricola, oppure tentare di allargare gli orizzonti, giocando a strabiliare sino alla fine. Per stare a galla con le migliori ne servono almeno tre di nuovi, indicativamente uno per reparto, che poi mica lo dice chi scrive, ma è specialmente il pensiero di Asta che l'ha già reso noto urbi et orbi e si presume ne siano al corrente anche il digì Seeber e la proprietà, anche se magari non ufficialmente. E siccome a volte il pallone è strampalato, può pure succedere che tre felici addizioni sulla carta finiscano poi per incasinarti l'intero contesto, ma in linea di massima tre giocatori affidabili e di pronto uso poi questo contesto te lo migliorano un bel po'. Da qui a dire che garantiscano il salto di qualità, neanche un po' perchè appunto il football non è matematica e perchè i cosiddetti competitor si industrieranno tutti quanti sul mercato e con budget più corposi dei giallorossi.
Eppure se anche la pianificazione virtussina contempla un avvicinamento pluriennale alla B, diciamo in due o forse tre stagioni, ci sono sensazioni o semplici percezioni in cui si intuisce che conviene tirare al massimo adesso perchè a programmare l'estate prossima non è automatico che la semina generi raccolto in un mondo in cui due più due raramente fa quattro. Sicchè, a pelle, conviene inseguire il gran colpo ora,ma non con scommesse suggestive, bensì con garanzie credibili, preservando naturalmente il roster odierno.
Un tris di ingressi senza smarrire sfrontatezza e spensieratezza, spirito sbarazzino e sfacciataggine. Col sorriso sulle labbra. E la voglia di continuare a schienare il mondo. Ma in silenzio. O se proprio, sottovoce.

    Bassanonet TV

    CULT tv

    "Non è invisibile"

    Un virus invisibile ma allo stesso tempo presente nella realtà di tutti i giorni. Marco Chiurato è artista poliedrico, spazia tra performances,...

    Più visti