Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 14-01-2011 19:12
in Attualità | Visto 2.315 volte
 

Il giro del mondo in quattro serate

In febbraio alla Bassanese la quarta edizione degli “Incontri senza Confine”, ideati dall'associazione Il Quarto Ponte. Quattro serate con gli scrittori migranti in Italia, per scoprire il loro Paese e capire il nostro

Il giro del mondo in quattro serate

La conferenza stampa di presentazione degli "Incontri senza Confine" 2011

E' sempre bello e utile avere una visione delle cose. Quando poi la visione è doppia, è un aspetto che diventa ancora più interessante.
E' il caso degli scrittori migranti: narratori, poeti e intellettuali che dal loro Paese di origine si sono trasferiti in Italia, raccontando nei libri le loro esperienze e sensazioni di persone nate altrove che hanno cambiato lingua e vita.
Un doppia visione che permette, incontrandoli, di scoprire da una parte la loro cultura di provenienza e, dall'altra, di “leggere” l'Italia con gli occhi di chi il nostro Paese lo vive, e lo valuta, da straniero.
E' la formula, ormai consolidata, degli “Incontri senza Confine - Scrittori Migranti in Città”: il ciclo di serate, giunto alla quarta edizione, organizzato dall'associazione “Il Quarto Ponte” di Bassano del Grappa con il supporto dell'Associazione Culturale Bassanese e in collaborazione con la libreria La Bassanese.
La manifestazione, unica nel suo genere in tutta la provincia di Vicenza, si poggia sull'insolito confronto con il “punto di vista degli altri” attraverso la letteratura della migrazione, scritta appunto da autori stranieri che oltre a vivere in Italia hanno deciso di usare l'italiano nelle loro opere.
La rassegna è stata presentata oggi alla libreria La Bassanese di Bassano del Grappa, consueta sede degli incontri, con l'intervento del libraio Marco Bernardi, dell'assessore comunale Annalisa Toniolo, dello scrittore africano Issiya Longo e di Ali Fadel, presidente de “Il Quarto Ponte”, associazione molto attiva sul territorio nel campo della mediazione culturale.
In programma quattro serate, per tutto il mese di febbraio, in rappresentanza di altrettante parti del mondo.
Si parte giovedì 3 febbraio con la “Serata Mediorientale”. Ospite lo scrittore e poeta palestinese Salah Mahameed - medico dentista, in Italia dal 1981 e dal 2003 cittadino italiano - con la sua attesa opera “Il bambino che portò la pace”.
Giovedì 10 febbraio sarà la volta della “Serata Africana” con Issiya Longo, nel nostro Paese da 13 anni, autore del libro “Dal Congo in Italia come in un sogno”.
Terzo appuntamento, giovedì 17 febbraio, con la “Serata Sudamericana”: interverrà la scrittrice e giornalista brasiliana Paula Regina Siega, che ha esordito con la narrativa nella raccolta Lingua Madre 2010.
Evento conclusivo, giovedì 27 febbraio, con la “Serata Balcanica”. Vesna Stanic - scrittrice, poetessa e giornalista croata, residente a Trieste - parlerà dell'”Isola di Pietra”, romanzo famigliare che ripercorre l'intensa e drammatica storia dell'ex Jugoslavia nel secolo scorso.
L'ingresso alle serate - che avranno inizio alle 20.45 - è libero, ma è consigliata comunque la prenotazione in libreria dei posti a sedere (anche on line: www.labassanese.com).
Al termine di ogni “Incontro senza Confine”, il Quarto Ponte e La Bassanese organizzeranno un piccolo buffet etnico dal Paese di provenienza dell'autore ospite.
Un autentico palinsesto di respiro internazionale che permette di compiere - scomodando Jules Verne - il giro del mondo in quattro serate.