Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 19-10-2010 15:31
in Attualità | Visto 3.075 volte

Bassano sempre più “single” e multietnica

I sorprendenti dati dell'Annuario Statistico 2009 del Comune. In aumento le famiglie "unipersonali". In caduta libera i matrimoni religiosi. E un neonato su tre ha almeno un genitore straniero

Bassano sempre più “single” e multietnica

La prima notizia è che abbiamo finalmente superato la soglia dei 43mila abitanti: e cioè 43.015 residenti alla data del 31 dicembre 2009.
Ma al di là del puro riscontro su “quanti siamo”, i dati che emergono dall'Annuario Statistico 2009 del Comune di Bassano del Grappa, realizzato dall'Ufficio Statistica comunale e presentato oggi in municipio, dipingono una società bassanese dai risvolti articolati e spesso sorprendenti.
Il corposo documento, di 139 pagine, traccia un dettagliato identikit del tessuto sociale cittadino che rappresenta - come ha detto il sindaco Stefano Cimatti - “un utile strumento per conoscere dinamiche della popolazione estremamente importanti.”
Ecco alcuni dei dati più interessanti emersi dall'indagine:

Immigrazione

Il 25,1% dei bambini iscritti per nascita all'anagrafe di Bassano del Grappa nel 2009 - e cioè 1 neonato su 4 - sono figli di due genitori stranieri. Di questi, la maggior parte (pari al 14,7% del totale dei bambini nati in città ) sono figli di genitori africani.
La percentuale si allarga per i nati a Bassano con almeno un genitore straniero: pari al 35,3% dei bambini nati complessivamente, e cioè più di 1 neonato su 3. Fatta la differenza con il dato precedente, risulta che circa il 10% dei neonati del 2009 sono figli di coppie miste, con padre o madre italiani.
Gli stranieri residenti a Bassano, al 31 dicembre 2009, sono 4552: Marocco, Romania, Albania, Ghana, Macedonia, Moldavia e Filippine le nazionalità più presenti. In aumento la Cina, con 146 residenti censiti. Il maggior numero di abitanti stranieri, sia uomini che donne, è compreso nella fascia di età tipicamente lavorativa dai 25 ai 50 anni.

Famiglie
A Bassano le “famiglie unipersonali” - e cioè composte da una persona sola - sono in aumento, rappresentando la maggioranza relativa (37,1%) delle famiglie complessive e sfiorando ormai quota 7000. Una significativa impennata rispetto al censimento della popolazione 2001, nel quale le famiglie unipersonali a Bassano si attestavano al 26,7%.
Di queste, il 15,7 % è attualmente costituito da “stranieri soli”, in gran parte della fascia d'età tra i 17 e i 29 anni.
Notevole anche il numero degli anziani soli: ben 2.502, su un totale di 6.305 famiglie con anziani residenti in città. Di questi circa la metà appartengono alla fascia d'età tra i 75 e gli 84 anni.
Delle persone che vivono sole, la fetta maggiore (20,1%) ha un'età compresa tra i 30 e i 39 anni: in gran parte celibi o nubili, ma non mancano anche i coniugati in attesa di divorzio. Seguono gli ultra-ottantenni (16,8%): ma lo stato di solitudine, in questo caso, è dovuto soprattutto a vedovanza.
E le altre famiglie? Quelle con due componenti, e quindi mediamente senza figli, sono al secondo posto al 24,9%. Seguono le famiglie con 3 (17,7%) e con 4 componenti (14,9%).

Matrimoni
E', per certi versi, la voce più “sorprendente” dell'annuario statistico. Che ci fa comprendere come l'immagine del bassanese “tutto casa e chiesa” appartenga ormai ad un remoto passato. Il numero dei matrimoni celebrato in città (160) è in calo rispetto ai due anni precedenti. Aumenta l'età degli sposi: oggi si pronuncia il fatidico “sì” mediamente a 36 anni per gli uomini e a 32 per le donne. In caduta libera i riti religiosi, che ormai sfiorano il numero dei matrimoni civili.
A Bassano un matrimonio dura in media poco più di 15 anni: con l'età media di separazione di 40 anni per le donne e 45 per gli uomini.
Significativa inoltre la percentuale dei figli naturali - e cioè figli di coppie non sposate - registrati nel 2009: il 28% del totale dei bambini nati, e cioè quasi 1 neonato su 3.

Ad altre interessanti voci dell'Annuario Statistico, riferite all'Istruzione e all'Economia, dedicheremo altri articoli nei prossimi giorni.

LIBERTA' E' PAROLA - AVANTI CON CORAGGIO

Cari #amici di Libertà è Parola, il momento che stiamo vivendo richiede responsabilità e noi stiamo facendo la nostra parte, anche se vorremmo...

Più visti