Canova
Canova

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Attualità

Happy End

L’evento di chiusura del Color Cafè alla Ss. Trinità, gestito da Color Cooperativa, dopo 18 anni di attività ristorativa, aggregativa, culturale e sociale. “È la chiusura di un progetto che ci ha dato tante soddisfazioni”

Pubblicato il 25-06-2022
Visto 7.419 volte

Canova

Davanti alle scale di ingresso del locale due clown producono enormi bolle di sapone che si trasformano in bollicine più piccole, per la gioia e il divertimento dei bambini.
Nell’area interna è pronto il palco ovvero l’open stage su cui per tutta la sera si esibiranno quattro gruppi musicali, i corsisti di teatro, una poetessa e sorprese varie.
Sono allestite anche le tavolate per una cena comunitaria con pizza e piatti freddi, prima di dare il via alla festa vera e propria.

Il presidente di Color Cooperativa Sociale Stefano Filippin, la vicepresidente Flavia Riccio e il collaboratore Santi Crispo davanti alla porta del Color Cafè aperta per l’ultima volta (foto Alessandro Tich)

Per essere un addio, non è certamente triste. Anche se per la Color Cooperativa che gestisce il Color Cafè nel complesso del patronato della parrocchia della Ss. Trinità è la giornata della chiusura definitiva dei battenti, dopo 18 anni di attività ristorativa, aggregativa, culturale e di animazione sociale. Perché il Color Cafè non è stato un semplice bar, ma un progetto.
Che merita, in quanto tale, un degno evento di chiusura. Happy End.
“Bye Bye Color Cafè”, scrivono i volantini appesi all’ingresso, sopra il bancone e ai vari angoli del pubblico esercizio. “Alla nostra Cooperativa - spiega il manifestino - non verrà rinnovato il contratto di affitto a seguito della disdetta inviataci nei mesi scorsi di Patronato e Parrocchia della Ss. Trinità di Bassano del Grappa.” Prosegue il testo: “La distanza tra le parti riguardante le richieste economiche ma anche la visione di come dovrebbe essere gestito il rilancio del Progetto post-pandemia è risultata incolmabile.”
“Siamo quindi ad invitarvi calorosamente a questa serata in cui potrete farci sentire il vostro sostegno e percepire quello che ha significato il Progetto Color Cafè in questi anni - scrive ancora l’avviso -. Il nostro impegno proseguirà nel portare avanti con ancora più evidenza il “dietro le quinte” di questo Progetto.” “La visione e i contenuti del Progetto Color Cafè - annuncia il volantino - troveranno infatti continuità nel lavoro di Color Cooperativa Sociale, arricchendo i progetti già esistenti, ricercando nuove modalità per rispondere ai bisogni della comunità e nuovi spazi da abitare.”
Ma insomma: è una serata di festa? O una serata di tristezza mascherata da festa?
Che serata è?
“Per noi rimane comunque la chiusura di un progetto che però ci ha dato un sacco di soddisfazioni - mi risponde il presidente di Color Cooperativa Sociale Stefano Filippin -. Quindi per noi questo è comunque un momento felice. Siamo felici per tutto quello che abbiamo realizzato e per tutto quello che siamo riusciti a fare per la città.”
Ma cosa c’è stato dietro a un caffè o a una birra consumati al Color Cafè?
“C’è stata soprattutto una costruzione di relazioni, a partire da progetti e da iniziative - rimarca il presidente -. È stato quello lo scopo: costruire relazioni sociali, culturali, educative. Quella era la scommessa, che pensiamo sia stata centrata.”
La chiusura del locale non è comunque scaturita da un fulmine a ciel sereno.
“È stata annunciata - conferma Filippin - da un periodo difficile di confronti, con visioni diverse e poi anche la pandemia ha gravato e ha aperto fratture.”
Fratture che, evidentemente, hanno trovato la cura di una efficace ingessatura.
“È un addio festoso, comunque - ribadisce Santi Crispo, attivissimo collaboratore di Color Cooperativa -. Anche se sinceramente c’è molta nostalgia e ci sono molti ricordi da dover lasciare.” “Ma allo stesso tempo - aggiunge - è bello vedere qui tutte queste persone che con noi vogliono ricordare tutto quello che è stato il Color Cafè in questi 18 anni e anche mantenere sempre il filo con noi e proseguire per quello che sarà il nostro futuro come cooperativa.”
Chiedo a Santi qual è stata la filosofia di Color Cafè rispetto agli altri locali.
“La filosofia è stata quella di un’impresa sociale . mi risponde -. Quindi l’idea di realizzare un bar, un luogo pubblico, che possa accogliere la comunità nelle sue varie forme e nei suoi vari target, sempre in un’ottica di apertura e di dialogo di confronto con chi lo frequenta e lo vuole abitare.” E cosa ritiene che si perda adesso in questo quartiere? “Io credo - afferma il mio interlocutore - che quello che si perderà sarà un punto di aggregazione fondamentale per la comunità e anche la possibilità di trovare un luogo accogliente che è pronto a condividere con le persone gioie, dolori e esperienze.”
“La gente è molto dispiaciuta, chiaramente - conclude Crispo -, però è molto curiosa di quello che sarà dopo. Tanti ci chiedono: “Ma adesso?”. Adesso forse ancora non lo sappiamo neppure noi, però presto ci saranno secondo me delle novità interessanti.”
Di più al momento non è dato sapere. Anche il presidente di Color Cooperativa Stefano Filippin lascia gli indizi per un “finale aperto”: “Adesso noi proseguiamo come Color Cooperativa Sociale nella vita della città. Anche Color Cafè è stato un servizio e un progetto per la città. Trovare un nuovo Color Cafè sarà difficile, ma qualcosa di diverso magari sì, potrà esserci.”
Ma c’è ancora tempo per pensare al futuro, ora è il momento della festa di chiusura.
Bye Bye Color Cafè, dunque: anche se Bye Bye, a seconda di come lo si intende, può significare “addio” ma anche “arrivederci”.

Più visti

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.134 volte

2

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.172 volte

3

Attualità

24-11-2022

Born To Be Wild

Visto 6.390 volte

4

Attualità

23-11-2022

Pantani in pista

Visto 6.379 volte

5

Musica

24-11-2022

Flaviada con Paolo Conte

Visto 3.363 volte

6

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 2.339 volte

7

Lavoro

21-11-2022

E i salari?

Visto 203 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.134 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.389 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.125 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.564 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.534 volte

6

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.425 volte

7

Attualità

29-10-2022

O mia cara finestra

Visto 7.393 volte

8

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.355 volte

9

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.285 volte

10

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.172 volte