Canova
Canova

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Attualità

Voice in capitolo

Pierpaolo Longo, Sammy Basso & Friends: a Colceresa nasce Radio Voice, la nuova web radio del territorio. E all’inaugurazione i sindaci fanno i...DJ

Pubblicato il 22-03-2022
Visto 9.053 volte

Canova

21 marzo 2022. È il primo giorno di primavera e il primo giorno di Radio Voice: la nuova web radio del territorio, “sintonizzabile” online su www.radiovoice.it.
Ma come ogni web radio che si rispetti, sono anche altri i canali con cui intercettarla e interagire: una App ufficiale, 12 pagine Facebook e 7 pagine Instagram in condivisione, un canale Youtube e un canale TikTok associati, persino gli assistenti vocali tipo Alexa.
C’è solo l’imbarazzo dell’ascolto.

La squadra al completo di Radio Voice (foto Alessandro Tich)

Inizio trasmissioni alle 12:04, conferenza stampa di presentazione nel tardo pomeriggio.
Siamo al Revolution di Molvena, in Comune di Colceresa, in via Ponticello, nello stabile che in un’altra epoca storica ospitava la mitologica discoteca Taxido.
Il Revolution, gestito da Dave ovvero Davide Nicolli, è un locale molto particolare: ai lati dell’ampio salone centrale si trovano infatti degli studi di registrazione e delle sale per fare musica. Tutto insonorizzato e attrezzato allo scopo. Una saletta in fondo al largo corridoio è adesso la sede di Radio Voice: qui si alternano al mixer e ai microfoni gli speaker prescelti per la nuova impresa radiofonica.
Sono tutti qui, tutti insieme appassionatamente, per il lancio della neonata emittente web davanti alla stampa, alle autorità locali e agli altri ospiti invitati per l’occasione.
A condurre le danze dell’incontro inaugurale è un volto noto della comunità bassanese, da adesso - come tutti i suoi compagni di avventura - aspirante anche al titolo di voce nota: Pierpaolo Longo, gestore della piscina comunale Aquapolis di Bassano, già nuotatore agonista, con qualche esperienza televisiva alle spalle.
Per il primo vagito di Radio Voice accorrono innanzitutto due eminenti esponenti della Regione: l’assessore regionale Elena Donazzan e il vicepresidente del consiglio regionale
Nicola Finco, quest’ultimo in jeans e giubbotto come si conviene al dress code di un locale da gggiovani come questo. Zio Zaia non c’è, ma Longo proietta sul monitor una foto del Super Governatore che mostra un foglio con una scritta di auguri alla nuova web radio. Benedizione suprema. Ci sono anche alcuni sindaci al taglio del nastro virtuale della radio online: i primi cittadini di Colceresa Enrico Costa, di Marostica Matteo Mozzo e di Tezze sul Brenta Luigi Pellanda, oltre all’assessore tedaroto Massimo Tessarollo.
Gianpaolo Bizzotto, sindaco di Bassano del Grappa per dieci anni, assiste all’incontro in mezzo ai presenti, inconfondibile nonostante la mascherina. Bassano dunque “c’è”, in qualche modo: era stata invitata anche Elena Pavan ma è stata trattenuta da concomitanti impegni. Pazienza. Anche perché, come spiega mister Aquapolis, il filo diretto della radio con le amministrazioni comunali sarà costante.
“Radio Voice è una nuova realtà che nasce dal web ed è nata nel nostro territorio - spiega Longo -.Trasmettiamo musiche di vario genere per rivolgerci a un pubblico che va dai 13-14 anni ai 65 e oltre.” “Il rapporto col territorio sarà fondamentale - continua -. Partiamo da qui ma abbiamo già riscontrato l’interesse di Cittadella e di altri Comuni da fuori comprensorio e grazie al web siano ascoltati anche all’estero. Diversi impianti natatori stanno già diffondendo in filodiffusione il nostro prodotto.” Stile libero.

Il cast di Radio Voice non è tutto cresciuto a pane e FM. La maggior parte degli speaker è nuova del mestiere, tirata su e formata ad hoc dai componenti del gruppo di comprovata esperienza radiofonica, art director Gigi Ferrari in primis. In questi mesi si sono allenati ad adeguare il tono e il ritmo della voce e adesso sono pronti ad affrontare la diretta streaming.
Il palinsesto di partenza delle rubriche della radio è già bello denso di appuntamenti.
Bene, anzi benessere è il titolo della trasmissione condotta da Erika Tellatin, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11. La locusta, con Fabio Persiani, è un programma “fuori dalle schemi” in onda (per il web non si dice così, ma tanto ci capiamo) ogni lunedì dalle 7 alle 8. Il mattatoio è invece “un’ora di nonsense completo” rigorosamente in diretta, ogni lunedì dalle 15 alle 16, con improbabili giochi a premi, scherzi e telefonate agli ascoltatori, condotto da Bat, Ricky e Gigi Ferrari. Ricky, per la cronaca, è proprio lui: Riccardo Piato all’anagrafe, notissimo esercente bassanese, meglio conosciuto urbi et orbi come Ricky Bueo.
Due alle tre è la rubrica di Filippo e Marta, ogni martedì dalle 15 alle 16, per “una chiacchierata tra amici su attualità e novità dal mondo”. Anche Filippo, che di cognome fa Lessio, è ormai una nostra vecchia conoscenza: è infatti uno dei fondatori di quel simpatico gruppo di mattacchioni di Ponteveciogram, la pagina social coi meme bassanesi. Track Start è la trasmissione di e con Pierpaolo Longo, ogni mercoledì dalle 15 alle 16: mix di sport, intrattenimento e hit con focus incentrato sulle tante realtà sportive del territorio. Gianluca Costantini conduce Cover Today, il giovedì dalle 15 alle 16 mentre Gigi Ferrari propone Top Ten Voice, il venerdì dalle 15 alle 16, con la classifica dei 10 brani più ascoltati della settimana.
#Boomer, con i giovanissimi Edoardo e Silvia, è invece lo spazio radioweb di due esponenti della “Generazione Z” che il sabato dalle 15 alle 16 commentano le cose che interessano alla loro fascia d’età ed interagiscono con quelli della “Generazione X”.
E la “Generazione Y”, quella dei millennials, che fine ha fatto? Massa veci, oramai.
Si aggiungono al palinsesto di partenza i due programmi Facciamo le serie con La Ale, il primo sabato del mese dalle 10 alle 11 (classifica e recensione mensile delle 3 top serie Tv in onda, “senza spoilerare troppo”) e A tempo di rock con Franco Miotto, la domenica dalle 15 alle 16 (“quando Rock & Roll e Heavy Metal si fondono in un’unica trasmissione...hard”).
Lascio per ultima una delle chicche assolute di Radio Voice: la rubrica di Sammy Basso. Va in onda il secondo sabato del mese dalle 10 alle 11 e si intitola Siamo caduti in Basso. Strepitoso. E lo dico io, che di titoli me ne intendo. Sammy, spiritoso e cordialissimo come sempre, mi dice che il titolo se l’è inventato lui. Conoscendolo, non me ne sorprendo. L’argomento affrontato di mese in mese dalla trasmissione? Sarà imprevedibile, come il suo conduttore.

Questo è dunque il programma iniziale della nuova web radio che si propone di avere Voice in capitolo sul territorio. A cui si aggiunge un’ulteriore rubrica rivolta al territorio stesso: si intitola Cosa si fa a…? ed è una pillola giornaliera trasmessa in loop, e cioè più volte nel corso della giornata, dedicata agli eventi e alle manifestazioni che si svolgono nelle nostre zone.
La rubrica sarà realizzata “con la collaborazione dei sindaci, che segnaleranno gli eventi che preferiscono che vengano promossi, per avere un richiamo inter-territoriale dei visitatori che solo lo strumento della radio può fare”.
Luigi “Gigi” Ferrari e Nicola Battocchio, promotori di Radio Voice, in una nota stampa lanciano un messaggio primaverile: “Sarà un prato fiorito di tante personalità che rappresentano le peculiarità del territorio e capaci di selezionare i migliori successi musicali.” “Quello che vogliamo fare - aggiunge Battocchio - è divertirci, se lo facciamo noi, e sapremo divertire anche il nostro pubblico, che ancora prima della messa in onda già ci ha contattato e si è candidato per partecipare alle nostre dirette.”
Conclude Pierpaolo Longo, voce e volto della radio: “Questo è solo il principio, perché stiamo già sviluppando nuove idee e collaborazioni che andranno ben oltre il confine della nostra Regione, quindi... #staytuned.”
Quanto mi piacciono le dichiarazioni con gli hashtag, le adoro.
In occasione dell’incontro di inaugurazione di Radio Voice ai Revolution Studios di Colceresa, prende vita anche la performance da “speaker per un giorno” dei sindaci presenti, chiamati a presentarsi nell’insolita e inedita veste di DJ.
L’onore di rompere il ghiaccio spetta al sindaco di Colceresa Enrico Costa e al suo collega di Marostica Matteo Mozzo che ai microfoni della radio, imbeccati dall’esperto e bravo Gigi Ferrari, salutano il pubblico ed esprimono i loro complimenti all’emittente online. “Avete dato uno scacco matto al territorio”, afferma DJ Mozzo. “Sono un sindaco rock”, dichiara DJ Costa, perfettamente concorde con la scelta musicale del suo omologo marosticense. E tocca al sindaco di Marostica Matteo Mozzo lanciare il brano da lui prescelto per l’occasione: Thunderstruck, successone degli AC/DC.
E a proposito degli AC/DC: mi dispiace per l’onorevole Luigi D’Agrò, anch’egli presente all’inaugurazione, ma non si tratta di una rock band democristiana.

Più visti

1

Attualità

24-11-2022

Born To Be Wild

Visto 6.404 volte

2

Attualità

23-11-2022

Pantani in pista

Visto 6.388 volte

3

Musica

24-11-2022

Flaviada con Paolo Conte

Visto 3.370 volte

4

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 3.057 volte

5

Politica

28-11-2022

Grande Fratello Vip

Visto 1.504 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.171 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.396 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.129 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.567 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.535 volte

6

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.432 volte

7

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.364 volte

8

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.291 volte

9

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.241 volte

10

Attualità

10-11-2022

Sei personaggi in cerca di attori

Visto 6.911 volte